‘RADIO PENSIERI’, ORSI: “Kluivert spacca le partite, ma va aspettato”. VOCALELLI: “Serve prudenza”

‘RADIO PENSIERI’, ORSI: “Kluivert spacca le partite, ma va aspettato”. VOCALELLI: “Serve prudenza”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

di Redazione, @forzaroma

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Fernando Orsi (Radio Radio 104.5 Pomeriggio): “La Roma ha vinto a Torino grazie ad un gol bellissimo di Dzeko e un assist bellissimo di Kluivert, ma meritava il pareggio. I giallorossi soffrono nello sviluppo del gioco. Bravo Di Francesco ad azzeccare i cambi. Pastore non mi è piaciuto, ma un conto è giocare con il PSG e un conto con i giallorossi contro il Torino che si era ben messo in campo. Kluivert? È uno di quei giocatori tecnici e veloci che spaccano la partita, è un calciatore che balza subito agli occhi, le qualità ci sono ma bisogna aspettare”.

Stefano Agresti (Radio Radio 104.5 Pomeriggio): “Di Francesco ha la possibilità di trovare la giusta collocazione a Pastore, anche se la freschezza di Cristante lo ha aiutato a fare molto bene. Kluivert mi impressiona, soprattutto per la maturità delle scelte fatte nei pochi minuti giocati”.

Alessandro Vocalelli (Radio Radio 104.5 Pomeriggio): “Per la Roma è una ricchezza avere tante soluzioni, contro il Torino ha vinto con dei cambi che non hanno diminuito il livello della squadra. Il quarto d’ora di Kluivert non vuol dire che sarà per forza titolare, ma permetterà a Di Francesco più soluzioni. Non sono sicuro che la titolarità aiuti Kluivert, dato che a 20 anni bisognerebbe essere prudenti. Pastore va aiutato e aspettato perché può dare un qualcosa di veramente importante”.

Augusto Ciardi (Teleradiostereo 92.7): “La Roma ha una rosa importante, che permette di restare sempre competitivi. De Rossi fino a qualche anno fa aveva una media di 7-8 gol a stagione, è chiaro che col passare degli anni cambi il fisico e la posizione in campo”.

Marco Cassetti (Teleradiostereo 92.7): “Comparando la panchina della Roma con quella della Juve preferisco la difesa giallorossa, mentre da metà campo in su i bianconeri hanno qualcosa in più. La Roma ha aumentato la quantità e la qualità della rosa. Contro l’Atalanta, vista la partita di Torino, a centrocampo giocherei con De Rossi, Cristante e Strootman e con Pastore forse al posto di El Shaarawy”.

Alessandro Austini (Teleradiostereo 92.7): “Per quanto riguarda la creazione di automatismi in campo, rispetto alla Roma dell’anno scorso c’è un passo in avanti, ma non è un punto d’arrivo. Anche perché la Roma non è una squadra che gioca a memoria, e non so nemmeno se Di Francesco vorrebbe che ci si giocasse. Si può e si deve assolutamente migliorare. Questa è una squadra che ha un’identità, ma deve fare necessariamente cose difficili per essere perfetta. Non so se vedremo mai una Roma spettacolare. Mi sembra difficile che Nzonzi possa giocare titolare prima della sosta, però nel gruppo sicuramente ci sarà già a partire da questa partita, quindi se può servire una mano da lui ce l’hai. Ma secondo me giocherà De Rossi. Il prolungamento di contratto a Dzeko è un discorso che è stato fatto tanto tempo fa. È un giocatore che mi dà l’impressione di essere uno che potrà giocare ancora un altro anno, ma penso che ci sia tempo e lui è talmente tranquillo e felice di esser qui che credo che certi discorsi si potranno fare a tempo debito”.

Ritrova il piacere di sorridere con “Solo Sorrisi”…gli specialisti del sorriso! Scegliendo Solo Sorrisi puoi risolvere i tuoi problemi dentali anche con poche sedute, grazie a tecniche innovative. Per una visita completa e gratuita chiama il numero verde 800 58 69 89. Solo Sorrisi è a Roma, Fiano Romano e ad Avezzano. Solo Sorrisi, gli specialisti del SORRISO! – Contenuto sponsorizzato

Riccardo “Galopeira” Angelini (Teleradiostereo 92.7): “I tre punti col Torino vanno accantonati subito: ieri ho visto l’Atalanta col Frosinone e vanno a 200 all’ora, sono in forma. Papu Gomez sembra imprendibile e passa tutto dai suoi piedi. La Roma è più forte dell’Atalanta, ma loro tirano tanto e sono velocissimi. Sarà una partita difficilissima, bisogna arrivarci con l’approccio giusto. Olsen? Rimane la differenza con il portiere che se n’è andato, ma se noi continuassimo a fare il paragone commetteremmo un errore. Lo svedese non è il portiere più forte del mondo, ma magari la Roma è stata fortunata nell’andare a prendere un portiere di rendimento. Kluivert? Non potrà essere il salvatore della Roma se ci dovessero essere difficoltà. In caso non dovesse riuscire a salvare il risultato non diventerà una pippa, così come oggi non è un campione. Potrebbe giocare quasi tutte le gare da titolare, ma non deve essere il salvatore della patria della Roma. Ha 19 anni, non possiamo mettergli addosso questa responsabilità”.

Franco Melli (Radio Radio Mattino – 104,5): “Io contro l’Atalanta Kluivert lo farei giocare dall’inizio”. 

Stefano Agresti (Radio Radio Mattino – 104,5): “Kluivert deve confermarsi, bisogna aspettare, perché è vero che quando è entrato in campo non ha sbagliato nulla, e che il cross fatto nell’azione del gol non era facile. Però c’è da dire che lui era fresco e gli altri in campo ormai stavano a pezzi”.

Furio Focolari (Radio Radio Mattino – 104,5): “Kluivert ha giocato 20 minuti da favola, ma come al solito a Roma già leggo di un entusiasmo eccessivo. Non capisco, però, perché Di Francesco non lo ha fatto giocare titolare”.

Sandro Sabatini (Radio Radio Mattino – 104,5): “Occhio al portiere per Roma e Napoli, le due squadre in quel ruolo hanno perso tanto. Non dimentichiamoci i punti che Alisson e Reina lo scorso anno hanno garantito alle loro squadre”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy