‘RADIO PENSIERI’, VOCALELLI: “La Roma sta sacrificando una batteria di esterni per giocare a 3”

‘RADIO PENSIERI’, VOCALELLI: “La Roma sta sacrificando una batteria di esterni per giocare a 3”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

di Redazione, @forzaroma

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Gianluca Lengua (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Non credo che l’esclusione di Kluivert sia una scelta tecnica, penso più a un problema fisico. È uno dei tanti misteri, penso anche a Sebino Nela, anche lui vittima di quello che sta succedendo nella Roma. Vedo Fonseca in confusione totale al di là delle sue scelte, la conferenza di ieri mi ha lasciato interdetto, non puoi far pesare di meno le sconfitte ai giocatori. Pallotta è infuriato con i giornalisti che fanno uscire le cifre della trattativa? Faceva la stessa cosa prima di comprare la società da Rosella Sensi”.

Alessandro Vocalelli (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “La Roma ha in rosa una batteria di esterni alti che fa fuori per giocare con la difesa a tre. Credo che Fonseca risenta della confusione che ha intorno. La Roma dovrà fare sul mercato delle trasformazioni profonde, ma dobbiamo ancora capire chi le farà”.

Stefano Carina (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Io mi auguro che la Roma stia un po’ meglio rispetto all’ultima partita. Fonseca ha visto miglioramenti: quali? Il Napoli ha dominato. Il distacco di 15 punti dall’Atalanta a nove giornate dalla fine è imbarazzante. Cristante in difesa col 3-3-3-1 visto a Parma aveva una sua logica, ma se tu fai un 3-5-2 classico è un altro modulo rispetto a quello usato in Coppa Italia. E così la Roma potrebbe subire Gervinho e Kulusevski”.

Augusto Ciardi (Teleradiostereo – 92,7): “Mi sembra che ci sia una certa fretta nel mettere sulla graticola Fonseca. La Roma non può permettersi di spendere cifre altissime per un allenatore”.

Piero Torri (Teleradiostereo – 92,7): “I numeri di questo campionato per la Roma sono imbarazzanti, le sconfitte sono esagerate. Però Fonseca paga anche l’insofferenza di questi anni senza vittorie. Io lo terrei pure per il prossimo anno. Pau Lopez? La sua stagione è ampiamente sufficiente, ha dei margini di miglioramento”.

Francesco Balzani (Centro Suono Sport – Te La Do Io Tokyo – 101,5): “Fonseca? Le parole di ieri mi sanno di paura. Poi fa un paragone azzardato con Klopp quando dice che ci sono squadre che ora vincono in Europa e che al primo anno non avevano conquistato trofei. Ma dobbiamo ricordare una cosa: nessuno ha chiesto a Fonseca ora di vincere”

Antonio Felici (Centro Suono Sport – Te La Do Io Tokyo – 101,5): “Friedkin non è il mio proprietario ideale, avrei preferito l’arabo, ma resta comunque un passo avanti e uno che può garantire un progetto serio. Di sicuro con Pallotta non si va avanti ormai. E’ una gestione finita. Roma-Parma? E’ un campionato che giocando ogni tre giorni succedono cose da pazzi, basti pensare a quello che abbiamo visto ieri a San Siro”.

Alessandro Austini (Teleradiostereo – 92,7): “L’interesse che arriva dall’Uruguay potrebbe essere reale, anche a me è arrivata qualche voce, ma è una storia che mi puzza molto di bruciato. Al momento non c’è il rischio di un cambio allenatore, ma nel calcio le situazioni possono cambiare in fretta”.

Furio Focolari (Radio Radio Mattino – 104,5): “Mancini, Cristante e Ibanez in difesa? Non ci siamo. Se la formazione è questa c’è aria di “sveglia”. La formazione non può essere questa assolutamente”.

Roberto Renga (Radio Radio Mattino – 104,5): “Non riesco a capire perché si dovrebbe giocare col 3-5-2. Gli attaccanti sono sempre stati tre e ora diventano due? La fortuna della Roma è che il Parma non è forte come prima. La difesa giallorossa comunque non mi ispira fiducia”.

Franco Melli (Radio Radio Mattino – 104,5): “Fonseca mi sembra un po’ in confusione. Ancora non ha capito quale sia la Roma migliore e fa gli esperimenti. Significa che ancora l’identità della squadra non ce l’ha in pugno”.

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino – 104,5): “Cristante arretrato ci può stare, ma spero che stasera si possa vedere un atteggiamento migliore. La Roma sembra che stia contando le partite sperando di finire il prima possibile. Ci vuole qualche vittoria. La formazione conta fino ad un certo punto, serve una testa giusta. Occhio al Parma, lì davanti possono farti male. Fonseca continua a dire certe cose, poi in campo se ne vedono altre”.

Nando Orsi (Radio Radio Mattino – 104,5):“Cristante il centrale lo può fare, ma la Roma non ha mai convinto in questo campionato. E non so cosa può succedere stasera, l’avversario è rognoso e la Roma non sta bene. Il risultato? Può succedere di tutto”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy