‘RADIO PENSIERI’, MANGIANTE: “La cessione di Destro è un paracadute se dovesse saltare la trattativa di Benatia al Bayern”

Continua la nostra rubrica quotidiana che accompagna i lettori che non possono ascoltare i commenti di conduttori ed opinionisti delle radio locali.

di finconsadmin

ANGELO MANGIANTE (Rete Sport): “Destro non è sul mercato, ma dipende dall’offerta. Sabatini va ad ascoltare Galliani perchè, secondo me, la cessione di Destro sarebbe un paracadute qualora saltasse la trattativa di Benatia al Bayern. Io non ci credo, ma c’è ancora una forbice tra la richiesta di Sabatini e l’offerta dei tedeschi. E quindi Sabatini tiene in caldo questa pedina di scorta. Sul campo Benatia è stato il protagonista della scorsa stagione. E’ un vero leader e la Roma perde molto anche in questo senso”

 

MARIO GIUNTA (Tele Radio Stereo): “Per il sostituto di Benatia, Sabatini ha un preferito: Manolas. E per il difensore greco c’è anche il benestare di Garcia. La Roma deve essere brava a chiudere un paio di operazioni di mercato in entrata prima di ufficializzare la cessione di Benatia. Per esempio il Lilla ha aumento il prezzo di Basa, fino a qualche mese fa lo regalavano. I problemi tra la Roma è Benatia si sono acuiti la sera della presentazione. Lì i dirigenti giallorossi hanno capito che bisognava venderlo”

 

PIERO TORRI (Tele Radio Stereo): “Io non ho capito la mossa di dare via Dodò, perchè ques’anno avevi la possibilità di raccogliere il frutto dell’investimento. E lo sostituisci con un trentatreenne quando ce l’hai anche dall’altra fascia e quindi tra un anno stai di nuovo con lo stesso problema. Sulla vicenda Benatia i giornalisti hanno raccontato le cose come stavano andando. Se lo vendono a 30 milioni la Roma fa una brutta figura. Le parole di Sabatini che voleva 61 milioni per il giocatore sono state un segnale di presunzione. Il mercato dei centrali ha detto che il DS della Roma aveva sbagliato valutazione”

 

MIMMO FERRETTI (Tele Radio Stereo): “Oggi c’è la conferma da parte della Roma che Maicon ha un problema fisico. Altrimenti starebbe in campo con i compagni. La faccenda Benatia si risolverà grazie all’intervento, guarda caso, di Raiola uno che ricominciato a mangiare a quattro ganasce. A me adesso non mi interessa come sta Benatia: di lui ‘sti ca…”. Mi preoccupa sapere come stanno Basa, Manolas o Chiriches. Totti è avvelenato per l’atteggiamento di Benatia. Garcia è il più contrariato di questa situazione a pochi giorni dall’inizio della stagione. Stadio? Temo che il capitano non fa in tempo a giocarci”

 

ALESSANDRO CRISTOFORI (Rete Sport): “Benatia si è comportato male con la Roma e l’ha messa in difficoltà. Tra l’altro c’è da ricordare che questi giocatori non hanno vinto niente. E quindi è inutile che vanno a Trigoria per chiedere un aumento. A me dispiace che Benatia va via perchè era diventato un leader della difesa, ma non è che stiamo perdendo Aldair. Con Benatia la Roma non ha vinto niente e lui a livello internazionale non ha giocato mai ad alti livello. Anche senza lui la Roma non si indebolisce”

 

RICCARDO (GALOPEIRA) ANGELINI (TeleRadioStereo):“Se tutto va bene in questo week end Benatia va via dalla Roma. Dopo l’incontro di ieri tra Marino e Pallotta sembrano essere abbattuti gli ostacoli sulla costruzione del nuovo stadio. Benatia non è insostituibile. Se Benatia va via il caso diventerà Maicon”

 

STEFANO CARINA (Radio Radio): “Nella vicenda Benatia ci sono tante verità di parte che l’unica la potremo conoscere quando lui firmerà il contratto con il nuovo Club. Io credo che si arriverà ai 25 milioni più bonus, a sfiorare i 30. Contro la Fiorentina Maicon non ci sarà. Per Castan il medico dice che potrà giocare, ma Garcia è perplesso. Come eredi di Benatia credo che arriveranno Basa e Manolas”

 

FURIO FOCOLARI (Radio Radio): “Continuo a ripetere che Benatia si è comportato in maniera bruttissima. E’ chiaro che è una grave perdita tecnica, ma cosa devono fare i dirigenti della Roma difronte ad un comportamento così? E’ lui che non vuole restare, questo deve essere chiaro”.

 

GUIDO D’UBALDO (Radio Radio): “La Roma è andata incontro al giocatore ed ha cercato di raddoppiare lo stipendio, ma dall’altra parte c’è stato il rifiuto ed ora c’è proprio un problema di convivenza.  Anche nello spogliatoio non lo difendono. Non ci sono più le condizioni ambientali per trattenerlo. Al Bayern, però, Guardiola ha chiesto Godin dell’Atletcio Madrid. Benatia è una seconda scelta. Destro la Roma non lo vende”.

 

MASSIMILIANO PALOMBELLA (Rete Sport): “Stasera contro l’AEK Atene dovrebbe esserci il trio Gervinho-Totti-Iturbe, che credo nella mente di Garcia sia l’attacco titolare. E’ chiaro che in avanti ci sono tante alternative, come Destro e come anche Borriello. Non me la sento di screditare quest’ultimo, visto che a Trigoria non c’è nessuno con le sue caratteristiche”.

 

ROBERTO RENGA (Radio Radio): “Ora con Benatia la Roma però rischia di creare un precedente, con qualsiasi giocatore che può impuntarsi e dire che vuole andare via e non giocare più in giallorosso. Il prossimo anno busseranno tutti alla porta di Baldissoni per chiedere l’aumento. Io lo terrei, non facendolo mai giocare. Fossi il Bayern non lo prenderei perchè se si comporta così oggi con la Roma lo potrebbe fare anche il prossimo anno con loro. Candreva? Lui ha più valore internazionale di Benatia. Da questa storia ne escono male tutti”.

 

AUGUSTO CIARDI ( Tele Radio Stereo): “Io dico che Benatia sarà un grandissimo rimpianto. Ora bisogna essere bravi a sostituirlo al meglio, perchè stiamo parlando di uno dei tre migliori difensori della Serie A”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy