‘RADIO PENSIERI’, DOTTO: “Roma senza gioco, ha bisogno dei suoi leader Manolas e De Rossi”

‘RADIO PENSIERI’, DOTTO: “Roma senza gioco, ha bisogno dei suoi leader Manolas e De Rossi”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

di Redazione, @forzaroma

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Andrea Pugliese (Teleradiostereo 92,7): “A Trigoria non possono ammettere pubblicamente errori dal punto di vista degli infortuni, ma dei ragionamenti in vista della prossima stagione si stanno facendo. Sono cose che ti condizionano anche la classifica, senza questo terremoto avrebbe 4-5 punti in più e sarebbe dietro a Juve e Napoli. Zaniolo? La Roma non se ne vuole privare oggi e farà uno sforzo per accontentarlo nel rinnovo. Manolas ce la farà, il dubbio è tra 4-3-3 e 4-2-3-1: Zaniolo visto il momento non lo allontanerei dalla porta”.

Gianluca Piacentini (Teleradiostereo 92.7): “A Trigoria sapranno chi sono i responsabili per i problemi di infortuni. Nel derby vedo come soluzione il 4-3-3 con Zaniolo, Dzeko ed El Shaarawy davanti; il dubbio su De Rossi è se è in grado di fare due partite in quattro giorni: secondo me se dovesse sceglierne una, Di Francesco lo farebbe giocare col Porto”.

Giancarlo Dotto (Teleradiostereo 92,7): “Senza Manolas siamo una canna a vento, la speranza è che ci possa essere. È un periodo che alla Roma gira abbastanza bene, l’unico dubbio forte è su De Rossi: Lazio o Porto? Preferisco essere monotono, sono convinto che sarà l’allenatore di se stesso, Di Francesco prenderà atto di quello che Daniele dirà ascoltando il suo corpo. Certo, non posso pensare ad un derby senza De Rossi… Ora la Roma ha bisogno dei suoi leader perché non ha il gioco, battere la Lazio vorrebbe dire ridurre la lizza a tre, con Milan e Inter”.

Franco Melli (Radio Radio Pomeriggio 104.5): “La Roma sta bene, sta come meglio non potrebbe stare. Non parlo del gioco, ma sta bene per tutto il resto perché vince quando anche non dovrebbe vincere. Vedo un derby abbastanza sbilanciato a favore della Roma, almeno fino ad oggi”.

Alessandro Vocalelli (Radio Radio Pomeriggio 104.5): “La Roma sta bene, ha tutti i giocatori a disposizione e a Frosinone ha avuto la possibilità di tenere fuori tre diffidati. Quante volte ti capita di poter fare calcoli di questo genere? Vince anche se non gioca bene, e questo paradossalmente diventa un punto di forza. Tra l’altro arriverà anche più riposata della Lazio visto che i biancocelesti giocheranno stasera. Mi sembra che stia meglio la Roma. È vero, la Roma è una squadra inaffidabile, ma quando ci sono i big match generalmente risponde presente. Se stanno bene, nel derby farei giocare sia Manolas che De Rossi, oltre alla soddisfazione cittadina ci sono in ballo 3 punti importantissimi. Poi col Porto si vedrà”.

Stefano Carina (Radio Radio Pomeriggio 104.5): “Manolas? Da quello che mi è stato raccontato, credo che sabato sarà in campo. A Di Francesco si possono muovere tante critiche, ma non il fatto che non abbia provato a cambiare. Sta cercando di uscirne fuori ma non ci riesce”.

Tony Damascelli (Radio Radio Pomeriggio 104.5): “Manolas sembra sempre moribondo ma poi gioca, in gare come il derby e gli ottavi di Champions uno come lui vuole giocare. De Rossi è un altro di quei giocatori che non possono mancare, il derby è roba sua. Secondo me la Roma continua a sbagliare la fase difensiva perché l’idea difensiva di Di Francesco è questa. Nel momento in cui pensi solo alla fase offensiva, lo paghi”.

Ivan Zazzaroni (Radio Radio Pomeriggio 104.5): “Come sta la Roma? Voi lo sapete? Non saprei rispondere. Sia col Bologna che col Frosinone l’ho vista male anche se ha fatto 6 punti. Ovviamente sta meglio della Lazio che ha tanti infortunati, questo è evidente”.

Luigi Ferrajolo (Radio Radio Pomeriggio 104.5): “La Roma non mi sembra una squadra che sta bene, per me non sta affatto bene. Se continua ad essere fortunata sta benissimo, ma se dobbiamo giudicare come ha giocato nelle ultime partite dobbiamo dire che non è una squadra in salute. Una squadra che sta bene in questo momento è il Milan, non la Roma. La Roma è una squadra inaffidabile. Manolas e De Rossi? Tra due partite importanti, quella che conta di più è la prima. Se stanno bene, io nel derby li metterei tutti e due”.

Stefano Agresti (Radio Radio Pomeriggio 104.5): “La Roma è una squadra volubile dal punto di vista mentale, ho la sensazione che la gioventù di molti giocatori si paghi. Mi sembra comunque una squadra che può fare imprese sia in negativo che in positivo. Nel derby la Roma parte da favorita, ma resta comunque una partita aperta perché i giallorossi hanno troppi alti e bassi. Hanno dei cali improvvisi che fanno crollare tutto. La Roma deve trovare continuità di rendimento, altrimenti rischia di rimanere fuori dalla Champions”.

Alessandro Austini (Teleradiostereo – 92,7): “I giocatori che sono passati da Trigoria non hanno avuto la forza di trasmettere la necessità di vincere agli altri, a differenza di gente come Chiellini e Buffon. Zaniolo questo fuoco ce l’ha dentro. La Roma non è squadra perché non vedo reazioni nelle avversità. De Rossi e un po’ Kolarov non bastano”.

Guido D’Ubaldo (Radio Radio Mattino – 104,5): “La bagarre di Champions ora coinvolge anche l’Inter. La grande notizia per la Roma è poter contare quasi certamente su Manolas. Anche a Frosinone gravi problemi di concentrazione. Spero che il ritorno al 4-3-3 sia definitivo. E’ il modulo con cui si fa meglio la fase difensiva”.

Roberto Renga (Radio Radio Mattino – 104,5): “Non so perché la Roma prenda tutti questi gol. Gli avversari sanno sempre che segneranno almeno un paio di reti. Manolas è decisivo. Zaniolo può tornare a giocare a destra”.

Franco Melli (Radio Radio Mattino – 104,5): “Nzonzi è stato tra i peggiori anche a Frosinone. Zaniolo a destra è sprecato, meglio da trequartista”.

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio Mattino – 104,5): “Per me in Champions andranno Roma e Milan, l’Inter la do già fuori. Le amnesie i giallorossi le hanno sempre con le piccole, poi con le grandi fa bene. Con la Lazio farà una grande partita. Nzonzi è un caso, ma alla Roma lo sanno bene”.

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino – 104,5): “A me questa Roma mi piace molto, perché giocando male vince, quindi… Al derby come arrivano Roma e Lazio? Bisognerà vedere come andrà stasera. La Roma ci arriva con alcuni giocatori al top, soprattutto Dzeko. Certo, il derby va giocato meglio rispetto alle ultime due partite ed essere più continua anche durante i 90 minuti. La Roma non dà fiducia, cambia faccia più volte anche nel corso dello stesso match”.

Alvaro Moretti (Radio Radio Mattino – 104,5): “Il problema della Roma è la continuità durante la partita, subisce parecchio soprattutto a centrocampo ed ha giocatori che non difendono bene. Però le gare tipo il derby questa squadra non le ha mai sbagliate, a parte quella di Firenze in Coppa Italia. Un altro limite della Roma è anche il fatto che è legata molto alla presenza o meno di De Rossi”.

Nando Orsi (Radio Radio Mattino – 104,5): “A me la Roma non è piaciuta assolutamente contro Bologna e Frosinone, ma ha vinto. Se Dzeko è in giornata la Roma è una grande squadra, altrimenti no. Deve sperare nella vena buona del bosniaco, altrimenti c’è bisogno di un’alternativa. Dzeko ha un tipo di gioco che gioca a tutta la squadra”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy