‘RADIO PENSIERI’, MARELLI: “La seconda ammonizione di Singo è stata affrettata”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

di Redazione, @forzaroma

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Mario Sconcerti (Teleradiostereo 92.7): “La Roma è diventata una squadra vera nel momento in cui c’è stato un assestamento definitivo, rivisitata e corretta da Fonseca che ha approfittato del periodo di ‘vacanza’ della nuova proprietà, impegnata in altre cose, senza ingerenze tecniche, e ha fatto un buon lavoro. Il fatto sorprendente sarebbe se la Roma non fosse lì ora. L’assenza di Zaniolo va ricordata, ma va dato atto a questa squadra di non averla fatta pesare. L’Atalanta la affronterei con la qualità, la Roma o è tutto o è poco, quindi bisogna puntare su tutto. Il problema della Roma non è il modo di giocare ma quello di approcciare la partita, alcune volte non entra in campo”.

Federico Nisii (Teleradiostereo – 92,7): “E’ incredibile sentir parlare di espulsione affrettata. Il secondo fallo di Singo è da giallo e sul rigore Dzeko viene sbilanciato dal secondo intervento. Da tifoso avversario mi sarei arrabbiato per il primo gol, ma il Var non può più intervenire in quel caso, perché il fallo di Mancini su Belotti è su un’azione precedente rispetto al gol di Mkhitaryan. La Roma deve ancora lavorare, lo dimostrano i minuti finali. Faccio un appello ai Friedkin, quello di riportare Totti alla Roma. Oltre a essere un collante tra i reparti della Roma, sarebbe l’unico che può zittire tutti questi teatrini televisivi“.

Piero Torri (Teleradiostereo – 92,7): “Penso che Abisso abbia fatto due gravi errori: non mostrare il rosso a Singo sul primo fallo e non cacciare il difensore del Torino sul rigore, quella è chiara occasione da gol. Ieri sera c’è stato un travisamento della realtà da parte di un canale televisivo che non ha rispettato i tifosi della Roma“.

Luigi Ferrajolo (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “La Roma avrebbe battuto anche un Torino in undici. Al momento Mkhitaryan è il giocatore più importante della rosa, sapevo che Fonseca si sarebbe affidato a lui contro i granata. Adesso la Roma è attesa dalla prova della verità a Bergamo“.

Franco Melli (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Il rosso a Singo è un errore gravissimo da parte dell’arbitro, ha falsato la partita. Sui 24 punti in classifica della Roma non si può dire nulla, anzi: dovrebbero essere 25. Adesso deve risolvere il problema negli scontri diretti. Quella di ieri è stata una non-partita, quasi un allenamento del giovedì“.

Alessandro Vocalelli (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Abisso ha sbagliato, rosso esagerato. Comunque la Roma ha confermato di essere in salute, con giocatori che stanno facendo molto bene. La Roma è legittimamente al terzo posto“.

Gianluca Lengua (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “L’arbitro ha sbagliato e la Roma ne ha beneficiato. Però c’è da dire che ci sono stati episodi sfavorevoli durante il campionato, tanto che Fonseca e la società si erano lamentati. La partita di ieri va un po’ a bilanciare ciò che è successo prima. Atalanta-Roma? Dobbiamo capire se tornerà Mirante, la difesa sarà quella titolare. Credo che verrà confermato titolare Villar“.

Luca Marelli (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Sull’espulsione di Singo, Abisso ha sbagliato: la seconda ammonizione è stata molto affrettata, deve esserci un contatto molto chiaro. Si può fischiare fallo, ma vedere un’imprudenza in questo intervento è eccessivo. Secondo me è stato preso in contropiede dall’urlo di Spinazzola, si è fatto condizionare. Il piede a martello non esiste nel regolamento, questo crea grandi problemi. Bisogna valutare tutto nell’azione, ‘piede a martello’ non significa niente“.

Francesco Balzani (Centro Suono Sport – 101,5): “La partita era chiusa, comprendo la disattenzione finale ma Fonseca ha fatto bene ad arrabbiarsi. La Roma ha dato la sensazione di chiudere la partita quando voleva. Mkhitaryan, Pellegrini e Spinazzola le note più positive. Pau Lopez non mi ha convinto, spero nel rientro di Mirante. La partita non è stata condizionata da Abisso: l’arbitro non è stato perfetto, ma la Roma non ha rubato niente. Villar mi fa stare più tranquillo, Pedro l’ho visto un po’ scarico: se dovessi scegliere, rinuncerei a lui a Bergamo“.

Antonio Felici (Centro Suono Sport – 101,5): “Belotti alla Roma?  In campionato è uno che dice la sua alla grande. Quando è arrivato in Inghilterra, Mkhigtaryan era un giocatore da 30 gol a stagione, se sta bene la porta la vede sempre. Ibanez fa almeno un errore grave a partita. Villar? Per la formazione partirei da lui e Veretout. Era da tempo che la Roma non aveva un centrocampo così ben assortito, non lo toccherei ora. Mi tengo il ballottaggio Pellegrini-Pedro“.

Alessandro Austini (Teleradiostereo – 92,7): “Sono sorpreso positivamente dalla posizione della Roma, che a inizio campionato secondo me partiva dal settimo posto”. 

Franco Melli (Radio Radio Mattino – 104,5): “Mkhitaryan si sta rivelando quello che pensavamo fosse e sta forse facendo più delle aspettative. La partita con l’Atalanta sarà rivelatrice per la Roma”. 

Furio Focolari (Radio Radio Mattino – 104,5): “L’espulsione di Singo è eccessiva, ma la Roma non ha rubato e non ha colpe. Inoltre la differenza col Torino era evidente. Se i giallorossi faranno una grande partita con l’Atalanta potremo parlare di scudetto”. 

Stefano Agresti (Radio Radio Mattino – 104,5): “La lotta scudetto mi sembra troppo per la Roma. Ci sono tre squadre più attrezzate che sono Inter, Napoli e Juve. La partita di ieri è stata falsata dall’espulsione, Abisso non ha avuto buonsenso. La Roma comunque era superiore al Torino in ogni caso e ci sta che alla fine della partita abbia mollato un po’”.

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio Mattino – 104,5): “La Roma può sognare in grande. Ha sbagliato solo la partita a Napoli, ma avrebbe anche un punto in più in classifica. Ieri, poi, ha avuto anche un po’ di fortuna, perché l’espulsione di Singo non c’era e condiziona la partita. La foto presa da dietro illude, lui prende prima la palla. Ci sono dubbi anche sul rigore. L’occhio vigile della proprietà è molto importante”

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino – 104,5): “Fallo pericoloso quello di Singo, l’espulsione è giusta. Ho visto quattro giocatori della Roma in buona forma: Pellegrini, Spinazzola, Veretout e Mkhitaryan. E’ un buon segnale in vista dell’Atalanta. Dzeko s’è preso una giornata di vacanza. In difesa Smalling non può essere il regista del reparto, io affiderei a lui Zapata domenica prossima. L’Arsenal non ce l’ha uno come Mkhitaryan, non capisco come abbiano fatto a lasciarlo andare”. 

Francesco Di Giovambattista (Radio Radio Mattino – 104,5): “Ieri ho visto un gran bel Villar, per me è un giocatore imprescindibile nel centrocampo. Fa interdizione, aiuta molto Veretout”.

Nando Orsi (Radio Radio Mattino – 104,5): “Ma come si fa a espellere un giocatore al 14′ ? Ha rovinato la partita, sul secondo fallo Singo prende netta la palla. Poi la Roma ha meritato e avrebbe fatto dieci gol, ma la partita è cambiata con il Toro in dieci. Roma e Atalanta sono le migliori squadre in questo momento. I giallorossi sono trainati da due giocatori: Pellegrini e Spinazzola, e in attacco le cose vanno alla grande. Domenica sarà un match importante, la Roma, partita male con Fonseca in dubbio, oggi si è ripresa e può raggiungere qualsiasi obiettivo in un campionato così strano come questo. Atalanta-Roma: dico 2”.

Mario Mattioli (Radio Radio Mattino – 104,5): “Quello di Singo è un fallo, ma Abisso sono già tre giornate che è in calo netto. Ieri ha arbitrato in maniera poco coerente. La Roma ieri è stata favorita, ora la voglio aspettare ad una partita vera, prima di parlare di scudetto e Champions. Già domenica a Bergamo voglio vedere che fa. La squadra giallorossa sta giocando bene già da un paio di partite, ma in difesa vedo ancora alcuni uomini tardi con la forma fisica. Spinazzola è tornato quello dei tempi della Juve, è il miglior esterno sinistro d’Italia. La Roma può fare anche il colpo a Bergamo, ha le caratteristiche per mettere in difficoltà la squadra di Gasperini. Per me finirà in pari”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy