‘RADIO PENSIERI’, CARINA: “Alla Roma sono preoccupatissimi”. LENGUA: “Non escludo cessione di Zaniolo”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

di Redazione, @forzaroma

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Stefano Carina (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Il problema è sempre lo stesso. La Roma chiuderà la stagione con un bilancio negativo a tre cifre. Il problema sarà la prossima stagione. Come si fa a venire incontro a questi disavanzi? In un modo soltanto, cedendo. Questo va ad intaccare il progetto della Roma. Arrivare al quarto posto ora è come aver fatto bingo, si continua ad abbassare l’asticella. A breve e medio termine non so se riprenderà mai una trattativa per la cessione del club: per Pallotta ci sarebbe ora una minusvalenza molto forte. Alla Roma sono preoccupatissimi, costa più di quello che produce”. 

Gianluca Lengua (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): ” In casa Roma sono molto preoccupati della situazione. Se non dovesse arrivare la qualificazione in Champions sono dolori. Pallotta ha temporeggiato troppo tra gennaio e febbraio per la vendita del club. Sono stati fatti errori che adesso mettono la Roma in una posizione complicata. Non escludo una cessione di Zaniolo. La Roma non è in una buona situazione, per questo Pallotta sta cercando in tutti i modi di ritirare dentro Friedkin”.

Luigi Ferrajolo (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Escludo che vengano venduti Zaniolo, Pellegrini o Dzeko. Però è difficile anche piazzare una decina di giocatori che ora gravano sul bilancio. C’è poi una situazione di provvisorietà che riguarda tutte le società”. 

Francesco Balzani (Centrosuonosport – 101,5): “La chiacchierata tra Friedkin e Pallotta ci può essere stata. Ciò non vuol dire che la trattativa è riaperta. Non credo che il tycoon texano sia interessato a rientrare di nuovo nella Roma, visti i problemi dei debiti societari e anche quelli del calcio italiano. Che Friedkin abbia cercato Pallotta lo escludo, molto più probabile che sia accaduto il contrario”. 

Antonio Felici  (Centrosuonosport – 101,5): “Pallotta oggi non è detto che possa essere contento di quello che gli direbbe Friedkin. Il magnate texano può essere interessato solo nel caso in cui venisse data una valutazione diversa, seria, in base ai debiti e agli sbilanci della società. Temo che anche se si dovesse arrivare ad una riformulazione, questa non piaccia a Pallotta, che ci dovrà rimettere comunque qualcosa. E’ più probabile che Pallotta se la tenga e cerchi di risanare il buco di bilancio per poi rivenderla quando potrà ricavarci qualcosa”.

Alessandro Austini (Teleradiostereo – 92,7): “Bonaventura è stato certamente proposto alla Roma, ma non ho certezze che verrà preso. Tanti punti interrogativi sullo stadio, ma è un aspetto cruciale per la squadra. E’ una vergogna ciò che è stato fatto alla Roma”.

Roberto Renga (Radio Radio Mattino – 104,5): “Normale si pensi a un piano B e anche a un piano C, ma adesso il governo è d’accordo per la ripresa. Se non si potrà giocare in Lombardia a giugno si giocherà da un’altra parte. Spero che la Roma non utilizzi prima del tempo Zaniolo, ma tutto sommato la squadra sta bene. Da quello che so si pensa a ripartire con la difesa a tre. La Champions è un obiettivo fattibile”.

Furio Focolari (Radio Radio Mattino – 104,5): “Lotito si è battuto per la ripresa perché era doveroso, ma la Lazio secondo me non vincerà lo scudetto. Pallotta alla Roma non ci tiene, per questo è sereno. Non gliene frega niente. Sono due anni che non viene in Italia, è la cosa più abnorme che sia mai successo a questa gloriosa società”. 

Ilario Di Giovambatista (Radio Radio Mattino – 104,5): “Da qui al 28 maggio la parola d’ordine è ‘nascondere’ i contagiati. Alcune società già lo stanno facendo… Se dico certe cose è perché le so, mica sono scemo. Non ho le prove altrimenti farei nomi, ma mi fido delle mie fonti”.

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino – 104,5): “Il via agli allenamenti di gruppo è una notizia positiva per la ripresa. Il fatto che i positivi verranno lasciati fuori, vorrà dire che ci saranno alcune squadre penalizzate. Mancano 124 partite, non penso che ce la faranno. Per la Roma ci vorrebbe un rilancio clamoroso per comprare giocatori di livello”.

Nando Orsi (Radio Radio Mattino – 104,5): “Sulla ripresa o meno del campionato io sono ancora in attesa di capire. Andiamo per gradi, però oggi almeno c’è una data dove si potrà capire meglio. Non vedo l’ora che ricominci il calcio, almeno non parliamo più di queste cose”.

Mario Mattioli (Radio Radio Mattino – 104,5): “Aspettiamo questa settimana, fondamentale per capire se il campionato e l’attività può riprendere o meno. Tutti cantano vittoria, ma secondo me è ancora presto”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy