‘RADIO PENSIERI’, LENGUA: “Non si può mettere Fonseca sulla graticola se sbaglia una partita”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

di Redazione, @forzaroma

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Alessandro Austini (Teleradiostereo – 92.7): “Fino a questo momento la società ha fatto tutto tranne che proteggere l’allenatore. La Roma è una squadra incompleta, ha tre esterni destri che non fanno insieme una sola certezza e ha regalato Florenzi facendo una grande scemenza. Ha un portiere che non è titolare, a sinistra Spinazzola non è sempre integro e come vice c’è uno della Primavera. Ha venduto poi tutti gli esterni offensivi veloci senza rimpiazzarli. Come partenza vedo la Roma al settimo posto, che può arrivare fino al quarto. Milan e Napoli sono diventate più squadra della Roma negli ultimi mesi”.

Gianluca Lengua (Radio Radio Mattino – 104,5): “Fonseca ha criticato il mercato e l’assenza del ds, cosa che non aveva fatto lo scorso anno. Smalling invece è andato in conferenza dicendo che questa Roma è più forte dello scorso anno. Qui c’è qualcosa da chiarire, forse Smalling è inebriato dal suo primo anno da calciatore tutto della Roma, o il tecnico è indispettivo dall’atteggiamento della proprietà nei suoi confronti e mette le mani avanti perché teme che al primo inciampo possa essere cacciato. Per i Friedkin non c’era il tempo di cambiare allenatore, ma non puoi metterlo sulla graticola se sbaglia una partita. Deve avere la serenità. Friedkin vuole poi un ds straniero, ma siamo sicuri che sia la scelta giusta in un mondo come quello italiano? Lui vorrebbe un dirigente che conosca l’inglese e in questo senso in Italia sono molto pochi. Gli alti e bassi della Roma sono dovuti alle condizioni atletiche dei calciatori, la panchina era corta prima della fine del mercato”.

Roberto Renga (Radio Radio Mattino – 104,5): “Fonseca ha detto con serenità quello che pensa e di questo sono contento. Non sarei contento invece se fossi l’addetto alla comunicazione della Roma. Fonseca ha detto che manca un ds ed è vero, ha fatto capire poi che manca un terzino destro e un’ala, visto che Under e Kluivert non sono stati sostituiti. Col Benevento la diamo per scontata, ma bisogna prenderla con attenzione”.

Stefano Agresti (Radio Radio Mattino – 104,5): “Le parole di Fonseca sul mercato? Un commento istintivo, ma non vedo un duro attacco ai Friedkin. Dice cose vere. Se fosse arrivato El Shaarawy al posto di Kluivert forse sarebbe stato il miglior mercato della Serie A. Con la situazione economica complicata la Roma, se vedi le operazioni, ha fatto molto sul mercato. Io lo considero uno dei migliori della Serie A. Per il ruolo di ds mi aspetto un nome un po’ a sorpresa. Florenzi? La cessione in parte è dipesa da lui, però quante volte è stato criticato a Roma? Se ne sono dette tante, che era sopravvalutato, che aveva litigato con Totti. Il Benevento può essere una delle rivelazioni del campionato, mi stupirei se la Roma non vincesse, per valori tecnici. Però il Benevento non è da prendere come se avessi già vinto, può diventare fastidioso”.

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio Mattino – 104,5): “Fonseca non è che non senta la totale fiducia dei Friedkin, ma percepisce che può succedere qualcosa. Il silenzio dei Friedkin per alcuni può essere inquietante. Loro hanno già compiuto una rivoluzione. La Roma mi intriga molto come squadra, ha potenzialità importanti. E sono molto curioso perché dietro il silenzio dei Friedkin a breve ci saranno i fuochi d’artificio. Loro non vogliano fare tanta scena”.

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino – 104,5): “Se ci fosse stato un ds può darsi che non facevi tutte queste operazioni. E’ una battuta la mia, ma non saprei. Io ancora mi domando perché è stato mandato via Florenzi. Vero che è stato criticato, però magari si poteva tentare un riavvicinamento. Però di certo il fattore ambientale ha giocato. Il Benevento ha 6 punti, se la gioca e ha esperienza. E’ una squadra di mestieranti, concede molto ma è squadra pericolosa”.

Furio Focolari (Radio Radio Mattino – 104,5): “Sul mercato Fonseca ha sbagliato a dire quelle cose: primo perché non può accusare così la proprietà e poi perché non è vero. La Roma ha fatto un buon mercato. Pedro, Kumbulla e Mayoral non sono poche cose e poi c’è il ritorno di Smalling”. 

Sandro Sabatini (Radio Radio Mattino – 104,5): “Vediamo oggi se Fonseca confermerà l’intervista fatta con il periodico portoghese, perché le frasi sul mercato sono un attacco alla proprietà, una cosa non bella”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy