‘RADIO PENSIERI’, FOCOLARI: “Se hai Pau Lopez non puoi costruire dal basso”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

di Redazione, @forzaroma

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche:

Piero Torri (Tele Radio Stereo – 92,7): “Il Milan ieri sera non ha rubato nulla, ma alla Roma hanno rubato la partita. Il rigore fischiato ai giallorossi è stato contro il senso del calcio“.

Federico Nisii (Tele Radio Stereo – 92,7): “Fonseca ha banalizzato troppo nel post gara quello che si è visto in campo. Sarebbe un errore in questa fase della stagione gestire male il recupero dagli infortuni muscolari“.

Gianluca Lengua (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Ieri c’è stato un concorso di colpe, Fonseca ormai lo conosciamo e sappiamo che è questo. Il Milan veniva da un periodo nero e gli hai permesso di essere padrone del campo per venti minuti. La Roma non ha costruito nulla e soprattutto non tira in porta, non prende lo specchio. E’ un problema atavico di questa squadra e gli allenatori delle big ormai l’hanno capito. Le assenze in difesa ci sono, è tornato ad allenarsi Smalling e vedremo se ci sarà contro la Fiorentina“.

Furio Focolari (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Se hai Pau Lopez non puoi permetterti di costruire dal basso e di impostare“.

Alessandro Vocalelli (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “La Roma mi ha sorpreso in negativo anche se il Milan non mi sembrava in questa crisi così nera come veniva raccontata. Si tende subito a far diventare grandi giocatori che invece grandi non sono, penso soprattutto a Borja Mayoral“.

Francesco Balzani (Centro Suono Sport – 101,5): “L’approccio di ieri è stato sicuramente il peggiore delle partite contro le big e qui il tecnico ha le sue responsabilità. Fonseca mi dà un senso di mediocrità e penso che con questo atteggiamento alla lunga finirà per svilire anche i tifosi che lo sostengono di più. Il portoghese sta facendo un lavoro a metà“.

Antonio Felici (Centro Suono Sport – 101,5): “E’ stato incredibile quello che è successo nel primo quarto d’ora, il Milan ha preso la Roma a pallonate. Una cosa inaccettabile. E’ evidente ormai come il tecnico non riesca a trasferire la mentalità giusta alla squadra. Pellegrini non è più giovanissimo e gli stiamo dando un’attenzione sproporzionata rispetto a quello che dà in campo. Non è quel grande giocatore che avevamo pensato fosse“.

Alessandro Austini (Tele Radio Stereo 92.7): “Sembrava una squadra di bambini lanciata su un campo di calcio contro un avversario di Serie A. Per qualche strano motivo eri riuscita a stare sullo 0-0 e avere sui piedi di Mkhitaryan la palla del vantaggio. Il Milan ha giocato un’ottima partita ma ha concesso tanto, forse troppo. La Roma è questa e ha dei limiti strutturali che non può superare e che alla lunga emergano in tutta la loro forza. Il campionato è un percorso lungo dove i valori escono fuori. La Roma non è una grande squadra: è giovane, incompleta, che ha dei valori ma non ha lo spessore della grande squadra e per questo fino a quando è stata nei primi 4 posti abbiamo parlato di piccolo capolavoro. Se dovesse arrivare alla Champions è un piccolo capolavoro. Il Fair Play Finanziario è morto con la sentenza sul Manchester City. Se non dovesse andare in Champions sarà la normalità, perché non è una delle migliori 4 squadre del campionato”.

Augusto Ciardi (Tele Radio Stereo 92.7): “Spero che la Roma compri un dirigente che si presenti davanti alle telecamere prima e dopo. Prima per lasciare il segno. Fonseca dice che non parla dell’arbitro. Siccome Fonseca ogni volta che ha parlato si è fatto una giornata di squalifica, io spero che la Roma compri un dirigente rappresentativo che parli di questi episodi. Gli arbitri fanno quello che possono fare, sapendo che non ci sarà mai nessun tesserato della Roma andrà a perorare la causa della Roma. Fin quando non avrà una figura del genere non sarà una società organizzata, deve imparare a rappresentarsi. Ma anche in campo, perché l’unico che si lamenta è Mkhitaryan. Qui passiamo decenni a parlare di capitani, poi se ti azzardi a pensare che queste non sono partite da Pellegrini, è un ectoplasma. Non c’è nessuno né dalla panchina, né dal campo che chiede ‘che stiamo facendo?'”.

Furio Focolari (Radio Radio Mattino – 104,5): “Ieri Pau Lopez ha quasi regalato un gol a Ibrahimovic. Per me l’errore grave è non rivedere il VAR, perché l’hai fatto prima e devi farlo anche dopo. I primi 20 minuti imbarazzanti. La Roma la davo stra favorita ma è stata una cosa imbarazzante, come si fa a giocare così? Quanto merito del Milan e quanto demerito della Roma? A parte quei primi 20 minuti, era comunque 0-0. Poi è cominciata un’altra partita dove la Roma ha perso”.

Stefano Agresti (Radio Radio Mattino – 104,5): “Mi ha stupito molto come il Milan sia riuscito a giocare una grande partita, me lo aspettavo allo sbando. Ha meritato di vincere ma con un arbitraggio equo non avrebbe vinto. C’era il rigore su Mkhitaryan. Ho avuto una sensazione sgradevole: ho visto fischiare dei falli di confusione. Noi parliamo del rigore, netto, ma quello di Mancini è clamoroso. E’ passato in secondo piano. Dov’è che Mancini fa fallo? Prende posizione. Quante volte questo episodio in area viene fischiato? Una volta su venti, perché non ha dato una gomitata. Il rigore su Leao c’è dopo che viene negato quello a Mkhitaryan, la Roma è sbilanciata”.

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino – 104,5): “Guida da 4 in pagella. La Roma ha perso anche per colpa dell’arbitro. Il rigore di Fazio? Ma per carità, di quei pestoni ne vedi a decine. E poi c’è il rigore su Mkhitaryan… Poi ci sono stati tanti errori da parte della Roma, a centrocampo il Milan è stato superiore e poi Rebic ha fatto quello che voleva. Veretout e Spinazzola tra i migliori, Mancini e Karsdorp male. Villar in mezzo al campo è stato travolto. Gli arbitri sono in un momento di difficoltà in generale, ieri Guida ha sbagliato in un episodio in particolare”.

Nando Orsi (Radio Radio Mattino – 104,5): “Il Milan ha dimostrato di essere una squadra forte, ieri poteva fare cinque gol. Pau Lopez è stato uno dei migliori in campo della Roma, lui Veretout e un po’ Cristante. Il mio voto a Guida è 5,5 perché ha poca personalità e questa gara meritava un altro arbitro. Il Milan ha dimostrato di essere più forte della Roma”. 

Mario Mattioli (Radio Radio Mattino – 104,5): “Il Milan ha vinto tatticamente la gara, nettamente superiore in tutti i novanta minuti, ma io non sarei troppo severo con la Roma. Bravo Pau Lopez che ha evitato una goleada. Ma lo stadio a Tor di Valle? Lo dico dal 2014 che era una truffa a Roma e alla Roma”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy