Cesena-Roma 'Radio Pensieri': “Ora voltiamo pagina”,”L'alibi Luis Enrique non c'è più per nessuno”

di Redazione, @forzaroma

Giro d’orizzonte nell’etere romano per conoscere le opinioni all’indomani di Cesena-Roma, ultimo round del campionato 2011/2012.

Si comincia dalle ore 9 con Radio Radio “Sono molto dispiaciuto per il campionato della Roma. – dice Ilario DiGiovanbattista – Temevo che piovesse, ma non che grandinasse. Poi vedi la sgambatura di ieri a Cesena e ti chiedi se Bojan e Lamela meriterebbero davvero un’altra chance. E se poi la sprecano di nuovo come quest’anno? Pulvirenti si sta un po’ scaldando sulla questione Montella, forse era meglio tenerla più nascosta”.

“Sabatini c’è rimasto un po’ male per le parole di De Rossi e ha detto che i giocatori di quest’anno non sono tutte da buttare. – il commento di Roberto Renga – Non ci sarà una controrivoluzione. La notizia della giornata arriverà dal cda di oggi pomeriggio con gli americani in videoconferenza. Oggi è un momento importante, fondamentale per la storia futura della Roma. La cosa incredibile è che ora bisogna procedere ad una trattativa col Catania per Montella, quando lo scorso anno era a Trigoria…”

“Non credo che ci sia nulla da scartare. I giocatori presi l’anno scorso non verranno scaricati. Bisogna migliorare, prendere dei giocatori utili per aiutare l’allenatore e non fargli fare la fine di Luis Enrique. Ci vuole gente all’altezza, sarà vietato sbagliare anche un solo acquisto”dice Roberto Pruzzo

“Va bene Montella ma bisogna rifare la squadra, a partire dalla difesa. – il pensiero di Franco Melli – Inutile stabilire cosa serve se non sappiamo quanto viene messo a disposizione. Quest’anno serve più o meno la stessa cifra spesa lo scorso anno”.

Alle ore 10 comincia Te la do io Tokyo su Centro Suono Sport “La partita di ieri non vuol dire niente. – dice Mario Corsi – Sono vergognosi comunque, anzi di più di ieri. Marcature inesistenti, Bojan così è un fenomeno. Aveva una marcatura da campionato spagnolo. E’ stata una partita da salotto. Ora bisogna guardare al nuovo anno. Oggi è una giornata importante per i conti societari. Poi c’è il discorso allenatore. C’è Montella, ma secondo me Pulvirenti renderà difficile la trattativa. Montella, comunque, ha fatto un punto in più del Catania di una stagione prima”

Su Teleradiostereo inizia Davide Rossi “La società si dice ambiziosa e di avere grandi prospettive, gli americani sono venuti qui per fare i soldi. E i soldi arrivano solo attraverso i risultati. Possiamo anche parlare di quest’anno, fare bilanci, ma da domani bisogna voltare pagina e guardare in faccia alla realtà. La Roma è acefala, non ha un allenatore. Spero che questa questione possa risolversi quanto prima”.

Interviene Dario Bersani “Marco Cassetti ieri ha salutato la Roma e merita un applauso. Ha giocato la metà delle partite di De Rossi, mi ha colpito molto questo dato. Sono stati sei anni di cavalcate, rincorse, non grandissime vittorie, ma lo deve anche ad un ragazzo serio e un professionista esemplare. Si chiude una delle annate più tristi e frustranti dei tempi moderni. E’ ora di voltar pagina e mi auguro che la Roma possa farlo presto. Ora l’alibi Luis Enrique è caduto, ora tutti si prendano le proprie responsabilità”.

“C’è poco da salvare e ricordare in questo campionato della Roma. Ci vorranno grandi stimoli per ripartire il prossimo anno. Se arriverà l’allenatore giusto, la Roma potrà anche ripartire riservandosi un ruolo da protagonista” il pensiero di Max Tonetto

Tocca a Marco Delvecchio “Una stagione deludente sicuramente, al di sotto delle aspettative. Ormai parlare di quello che è stato non serve, bisogna ripartire. Anche la Juve è arrivata settima e poi ha vinto lo scudetto, i presupposti per ripartire bene ci sono. Ora è la dirigenza a dover dimostrare di che pasta è fatta. Un giocatore come Cassetti quest’anno poteva far comodo, ieri non ha sbagliato nulla. Ho visto gente che l’anno prossimo può fare grandi cose, su tutti Bojan. Altri sono da rivedere, José Angel anche ieri ha sbagliato tantissimo”.

Alle ore 10 si analizza la situazione della Roma su Rete Sport “Siamo nella fase di negatività dell’ambiente, della piazza. – dice Federico Nisii – Qualunque cosa la Roma fa non va bene, Capisco che la gente è scottata da questo anno deludente ma così si perde l’equilibrio nei giudizi. Comincio a sentire che anche Montella non va bene. E’ stata una Roma inaffidabile, deludente dal punto i vista di costruzione del gioco e di identità. La squadra ha fallito qualsiasi obiettivo, il minimo sindacale che era la qualificazione in Europa League, anche se poi la classifica verrà stravolta dalle sentenze del Calcioscommesse”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy