L’Avversario: il Frosinone

I ciociari, pur avendo la peggior difesa del campionato, lottano dal primo all’ultimo minuto col coltello tra i denti

di Redazione, @forzaroma

Dopo il passo falso in casa contro il Verona ultimo in classifica la Roma torna tra le mura amiche cercando la prima vittoria della nuova era Spalletti, affrontando il Frosinone.

Nonostante il divario tecnico sia abissale, c’è il rischio di fare un’altra figuraccia visto che la Roma è una squadra che sta facendo apprendistato dal punto di vista tattico. I ciociari, pur avendo la peggior difesa del campionato, lottano dal primo all’ultimo minuto col coltello tra i denti.

Il Frosinone sta cercando di rinforzarsi, anche se con molta fatica: nei prossimi giorni dovrebbe arrivare un colpo importante, il difensore centrale Stendardo. In attesa che questa trattava si concretizzi, la società ha preso in prestito dall’Inter il portiere Bardi. Sabato sera il Frosinone cercherà in tutti i modi di rendere la vita difficile ai giallorossi, adottando presumibilmente uno schieramento difensivo. Stellone, infatti, applica da un po’ di tempo il 4-3-3, ma pensiamo che i due esterni d’attacco giocheranno a ridosso del centrocampo.

Il tecnico romano, che da ragazzo si formò nella storica Lodigiani, (società fallita nel 2010 quando le fu cambiato nome di Atletico Roma n.d.r.), dovrebbe giocare, quindi, con una sorta di 4-5-1.

La formazione che scenderà in campo dovrebbe essere quella con Leali, o Bardi in porta, con l’ex romanista Rosi, e Pavlovic sulle fasce, mentre al centro dovrebbe essere confermata la coppia Blanchard, e Ajeti, nonostante il recupero di Diakité. A centrocampo, invece, ci dovrebbero essere Kragl, Sammarco, e Cisbah, mentre in attacco Paganini, Dionisi, ed il centravanti Ciofani. Uscire con un pareggio è sinonimo di una vittoria per il Frosinone, anche se sarà molto difficile che la compagine dai colori giallo blu riesca a centrare la salvezza. Nonostante tutto il Frosinone può consolarsi con una società molto solida, a cominciare dal suo presidente Maurizio Stirpe, che sta già pianificando la stagione successiva. E presto, ci sarà anche un nuovo Stadio, che sostituirà il vecchio e storico “Matusa”. Tale impianto sarà il primo vero e proprio punto di forza di una società che ha tutte le intenzioni di restare nel mondo del calcio professionistico.

I PRECEDENTI ALLO STADIO OLIMPICO

Non esistono precedenti: è la prima volta che queste due squadre si affrontano in una gara ufficiale allo Stadio Olimpico. Il match di andata era finito 0-2 per i giallorossi con reti di Iago Falque al 44’, e raddoppio di Iturbe al 93’.

Alberto Balestri

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy