Amarcord Giallorosso, Anche Montella nella goleada giallorossa al Catania (VIDEO)

di Redazione, @forzaroma

(di Tommaso Gregorio Cavallaro) La Roma si presentò ai nastri di partenza della XII giornata, dell’anno calcistico di grazia 2006/07, con quattro punti di svantaggio dalla coppia di testa formata dalla – in seguito – inarrestabile Inter e il sorprendente Palermo.

A fare visita alla già arrembante Roma Spallettiana era un’altra intraprendente siciliana, oltretutto neopromossa: il Catania.

Gli etnei di Marino veleggiavano nell’altissime zone della classifica e, grazie a un calcio sbarazzino e frizzante, ambivano ad andare ancora più su. La banda dell’uomo di Certaldo esprimeva un gioco altrettanto gioioso e veloce, che le avrebbe consentito in futuro di stupire in Italia ed Europa.

Tutto, quindi, lasciava pensare a una partita divertente e piena di gol. I siciliani – forse peccando di superbia – nell’ante gara si lasciarono andare a dichiarazioni un po’ troppo esuberanti, tanto quanto i loro tifosi che si presentarono a Roma in 10000. Assistettero a un diluvio di gol.

Il problema che furono solo di marca giallorossa. 7 le reti che la Magica mise a segno e che avrebbero provocato l’odio sempiterno dei catanesi nei riguardi della parte romanista della Capitale.  Non che la cosa provochi disagi nei cuori degli aficionados della Lupa, anzi.

Il pomeriggio ubriacante della Roma venne aperto da Panucci, che al 12 di testa mise dentro il primo sigillo. Il raddoppio arrivò poco dopo, grazie a Mancini che in diagonale, dopo una serpentina meravigliosa, beffò il povero Pantanelli. Portiere etneo che, 5 minuti dopo, dovette raccogliere nel sacco il terzo sigillo romanista, messo a segno da un funambolico Perrotta, che calò il poker al 40’ con un destro al fulmicotone.

3 minuti dopo l’intervallo la Roma firmò il poverissimo. In posizione alquanto sospetta, Panucci mise a segno, a porta ormai vuota dopo una mischia susseguente un calcio d’angolo, la sua personale doppietta. 12 minuti più tardi l’attuale allenatore del Catania –  allora ancora Aeroplanino giallorosso –  Vincenzo Montella, partì sul filo del fuorigioco e  facilmente portò a 6 i gol della Roma. Non poteva, il Capitano Francesco Totti, esimersi dal partecipare alla scorpacciata. Così, al 70’, il Numero 10 decise che era ora di timbrare il suo cartellino. Destro potentissimo dal limite dell’area e il settebello divenne realtà.

Con quella vittoria la Roma fece capire a tutti che sarebbe stata l’unica e seria avversaria dell’Inter nella corsa scudetto. Titolo che andò ai neroazzurri, ma la Roma si sarebbe portata a casa la Coppa Italia, dopo una finale con tanto di umiliazione fatta patire proprio ai Campioni d’Italia.

Campionato Italiano serie A 2006/07 XII Giornata girone d’andata  – Stadio Olimpico di Roma 19/11/2006

Incontro: Roma – Catania: 7-0 (Panucci 12’ e 48’, Perrotta 24’ e 40’, Mancini 19’, Montella 60’, Totti 70’)

Arbitro: Rosetti di Torino

Roma: Doni, Cassetti, Ferrari 7, Chivu, Panucci, De Rossi (51′ Aquilani), Pizarro, Taddei, Perrotta (51′ Montella), Mancini (75′ Vucinic ) Totti

All.: Spalletti a Disp: Curci, Mexes, Virga, Rosi

Catania: Pantanelli, Sordo, Stovini, Sottil 5, Vargas, Baiocco, Edusei, Caserta  (73′ Lucenti), Colucci  (46′ Biso), Corona (81′ Del Core), Mascara

All.: Marino  A disp: Polito, Minelli, Silvestri, Spinesi

 

Risultati e Classifica:

Atalanta 1 – 1 Fiorentina
Cagliari 1 – 0 Palermo
Chievo 2 – 2 Atalanta
Empoli 0 – 0 Milan
Inter 1 – 0 Reggina
Atalanta 17
Livorno 3 – 0 Parma
Messina 1 – 4 Lazio
Roma 7 – 0 Catania
Torino 1 – 0 Sampdoria
Udinese 3 – 0 Siena

 

Inter 30
Palermo 27
Roma 26
Livorno 19
Atalanta 17
Catania 16
Empoli 16
Siena* 16

Udinese 16
Lazio* 15
Cagliari 14
Messina 14
Sampdoria 13
Torino 11
Milan* 8
Parma 8
Ascoli 5
Chievo 4
Fiorentina* 4
Reggina* 0

Milan -8, Lazio -11, Reggina -15, Fiorentina -19 per illecito sportivo nella stagione 2005/2006.
Siena -1 per ritardo pagamento IRPEF.

Successivo sconto: Lazio -3, Milan -8, Reggina -15, Fiorentina -15.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy