Zeman prigioniero del personaggio. Ora la Roma torni alla normalit?

di Redazione, @forzaroma

(La Gazzetta dello Sport – R.Palombo) – Doloroso e inevitabile. Zeman che viene accompagnato alla porta del grande calcio ? qualcosa di definitivo che non pu? non dispiacere. Molto amato e anche molto odiato, ha di sicuro rappresentato un pezzo di storia dei nostri campionati. Il gioco, tanti anni fa cos? avveniristico e fuori dai canoni tradizionali da far nascere la favola di Zemanlandia, e le parole, cos? rare, mai banali e spesso coraggiose al punto da catapultarlo al centro di storie forse addirittura pi? grandi di lui. Tutto questo ? stato Zeman, capace anche a 65 anni di rinfrescare il suo mito, col piccolo miracolo della promozione in Serie A del Pescara. L? si deve essere determinato il Grande Equivoco. Il Pescara, in una serie B assai modesta, aveva certo divertito, complice Zeman col suo calcio sempre uguale a se stesso,ma nel frattempo lo stesso calcio si era evoluto[…]

 

Anche le parole, nel frattempo, avevano fatto i conti col passare del tempo, e quel che una volta era buono per creare stupore e scompiglio costruttivi oggi, molto semplicemente, non lo era pi?. A un certo punto, difficile dire esattamente quando,Zeman ? diventato prigioniero del proprio stesso personaggio. […]

Alla Roma se ne sono accorti quasi subito, che quel signore diventato improvvisamente troppo ?antico? non avrebbe potuto funzionare, mail mito di Zeman in una Roma pi? propensa a vivere di ricordi che non a scommettere sul proprio futuro (e su Montella) era ancora intatto, tredici anni dopo la sua ultima volta, e nessuno come lui poteva determinare una corsa all?abbonamento cos? capace di ingrassare le casse societarie. Matrimonio d?interesse ma non d?amore che prima o poi avrebbe portato a questo epilogo. Inevitabile, per l?appunto.

Nove sconfitte in 22 partite disputate, la ventitreesima ? stata vinta a tavolino, 42 reti subite da una squadra che, rispetto a tutte le altre grandi, aveva lo straordinario vantaggio di non disputare le coppe europee. E poi, una stagione dove l?intramontabile Totti, una sola partita saltata, sta dando il meglio di se stesso. E ancora, una rosa di giocatori dove il cocktail tra giovani talenti e mezze (o intere) bufale ? comunque intrigante, e 70 milioni di euro spesi in due anni vorranno pure dire qualcosa[…]

 

Zeman il diverso finisce certo col pagare anche colpe non sue, ma basta un solo nome, Goicoechea, per inchiodarlo alle proprie responsabilit?. Ora per il boemo si schiudono mattinate e pomeriggi all?insegna del golf, lo sport pi? individuale che c??, da tempo, e non ? un caso, divenuto la disciplina pi? amata e praticata. Per la Roma, per tutte le Roma, quella degli americani, dei dirigenti italiani, della banca e della gente, ? il momento del silenzio. E, se ? possibile, dopo tanto stupire, della normalit?[…]

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy