Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

La Gazzetta dello Sport

Zaniolo, recuperare ruolo e contratto: la medicina Roma per rasserenare il predestinato

Getty Images

Dai fischi alla panchina, Nicolò vive un momento difficile. Una nuova posizione in campo e il rinnovo cancelleranno le ombre

Redazione

Nel giro di pochi giorni Nicolò Zaniolo, quello che era il simbolo della rinascita giallorossa insieme a capitan Pellegrini, ha conosciuto prima i fischi dell’Olimpico al momento della sostituzione contro il Bodo in Conference League e poi l’amarezza della panchina per scelta tecnica contro il Venezia, scrive Massimo Cecchini su La Gazzetta dello Sport. Entrambi gli eventi, impensabili fino un mese fa. Per fortuna il forfeit con la Nazionale dovuto a un acciacco al polpaccio non ha avuto contraccolpi di tipo psicologico, perché la telefonata col c.t. Mancini gli ha confermato tutta la stima che lo staff azzurro nutre nei suoi confronti. Logico che una Roma in difficoltà non lo aiuti a brillare, ma la caccia al primo gol in campionato è un elemento che lo può condizionare. La questione è anche tattica, e da questo punto di vista il feeling con José Mourinho non è scattato ancora del tutto. Intendiamoci, l’allenatore portoghese in privato è pieno di elogi per Zaniolo, tanto da che – a livello di potenzialità – lo vede solo un gradino al di sotto di gente come Mbappé e Haaland, ma impiegarlo in un lavoro sulla fascia che lo obblighi coprire quaranta metri di campo comporta il rischio di appannare Nicolò in fase di rifinitura e di conclusione. Non basta. Visto che è possibile che il nuovo sistema di gioco visto a Venezia, il 3-4-1-2, possa essere mantenuto anche nelle prossime partite, in questo caso l’utilizzo di Nicolò sarebbe ancora più problematico, perché potrebbe fare o il giocatore a tutta fascia (con i problemi che abbiamo appena evidenziato) oppure l’attaccante puro in coppia con Abraham. Tutte posizioni che il ragazzo non sente sue, visto che si troverebbe più a suo agio in un ruolo da attaccante esterno di un 4-3-3. L’impressione, però, è che sia difficile che Mourinho cambi, anche perché – dopo il 6-1 di Bodo – nello spogliatoio sono in tanti a raccontare come la sua gestione si sia fatta più severa, mettendo da parte quegli scherzi e quei sorrisi che avevano caratterizzato il primo periodo romano dello Special One. Poi c’è anche la questione contratto che non rasserena Zaniolo. È noto che il club lo consideri uno dei top player della Roma e che la “ruggine” di questo periodo sia fisiologica e passeggera, tanto che lo stesso Pinto gli ha pronosticato un futuro da Pallone d’oro. Anzi, per stargli vicino gli è stato proposto anche l’ingaggio di un “mental coach” che possa aiutarlo in questo periodo difficile, anche se Nicolò ha detto di non sentirne il bisogno.