Under si ferma per un mese, Kalinic ha fretta di giocare

Under si ferma per un mese, Kalinic ha fretta di giocare

Lesione al bicipite femorale per il turco, che lascia la nazionale e torna indietro. Il croato: “Dzeko, quante telefonate…”

di Redazione, @forzaroma

Dopo Perotti, Zappacosta e Spinazzola, in ordine di gravità, la Roma è costretta a registrare il quarto infortunio muscolare. A doversi fermare, stavolta, è stato Cengiz Under, che oggi sarà a Trigoria, di ritorno dalla nazionale turca, per verificare l’entità del problema alla coscia destra. La Roma spera che si tratti di affaticamento o di una lieve lesione (tre-quattro settimane di stop al massimo), perché il ragazzo, fresco di rinnovo di contratto, per Fonseca è un titolare, scrive Chiara Zucchelli su “La Gazzetta dello Sport”.

Non solo: la scorsa stagione Under si infortunò e durante la ripresa ebbe una ricaduta che lo costrinse a due mesi di assenza. E quando rientrò faticò molto ad entrare in forma perché non si sentiva sicuro. Quest’anno Cengiz aveva dimostrato di essersi perfettamente ripreso, di testa ancor prima che di fisico, e per questo a Trigoria tutti sperano che il responso non sia una mazzata. La Roma ha bisogno di lui, anche se dalla sua parte potrebbe giocare l’altro mancino Zaniolo, a maggior ragione adesso che con gli arrivi di Mkhitaryan e Kalinic il reparto offensivo è al completo.

Di certo, il croato ha tutta l’intenzione di mettere in difficoltà il tecnico. Tanto che chiarisce: “Posso giocare anche esterno, l’ho fatto alla Fiorentina, e soprattutto posso giocare con Dzeko. Vedremo cosa vorrà fare l’allenatore”. Kalinic, che nelle ultime due stagioni ha combattuto con gli infortuni, dice che la “priorità è stare bene”, ma dice anche che nella Roma vuole giocare. E l’amico Edin, “che mi chiamava tutti i giorni per convincermi” potrebbe anche essere dello stesso avviso, visto che spesso, in passato, ha detto che gli sarebbe piaciuto giocare con un’altra punta.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy