Totti punta il podio e aspetta Montella…

di Redazione, @forzaroma

(Gazzetta dello Sport) – Racconta Maria Falcone che suo fratello Giovanni aveva una collezione di papere. Gli servivano per ricordare come chiunque — anche quello che sarebbe destinato a diventare un monumento della nostra Repubblica — potesse commettere degli errori.

Per questo le ultime malinconie della Roma possono meritare l’assoluzione piena. La dirigenza ha «sbagliato» allenatore e così è costretta ad assistere all’addio di Luis Enrique? Francesco Totti sabato contro il Catania ha fallito un rigore che poteva valere l’Europa? Perdoniamo tutti. Baldini & Co. hanno virato decisamente su Vincenzo Montella come confermato ieri dal presidente Zamparini, che lo voleva al Palermo, e auspicato dall’ex d.g. etneo Lo Monaco, mentre il capitano va già all’assalto del podio tra i cannonieri della A a girone unico. Altafini scettico Totti è ad un solo gol di distanza da Meazza ed Altafini, appaiati al 3° posto a quota 216, dietro a Nordahl 225 e a Piola 274. Insomma, per il capitano giallorosso, il sorpasso potrebbe avvenire già a Cesena, ma Altafini, più che intristito, pare puntiglioso. «Certo, è un traguardo prestigioso, ma se il metro di paragone fosse stato lo stesso, 216 gol li avrei fatti in un baleno. Totti ha tirato una quarantina di rigori e batte le punizioni; io al massimo ho calciato 5-6 penalty. E poi quando giocavo io gli autogol non si contavano ora invece assegnano le reti all’attaccante. Insomma, avrei potuto essere secondo e nessuno mi avrebbe mai raggiunto se per un anno non fossi tornato in Brasile e nell’ultima stagione alla Juve non avessi giocato solo una novantina di minuti. Francesco arriverà anche a 220 gol, ma Nordahl non lo supererà mai».

Cento portieri battuti Totti ovviamente fa gli scongiuri, anche perché nel frattempo sabato — inserendo nella lista Carrizo — è arrivato ad arrivare a cento portieri battuti con la maglia della Roma. Come evidenziato dal sito LAROMA24.IT, da Abbiati a Zuberbühler la sua è stata una scalata giunta a una cifra tonda. È di buon auspicio, poi, il fatto che il prossimo avversario Antonioli, portiere del Cesena, con 9 reti al passivo è quello più battuto insieme con Buffon. Il modo migliore per preparare il ritorno di Montella — bloccato dal club e apparentemente insidiato solo da Villas Boas o da una «follia» di Capello — e salutare Luis Enrique, che ieri ha rifesteggiato il compleanno con pizza e porchetta insieme a dirigenti e squadra, che hanno percepito un clima di addio. «Stavolta la festa ho voluto farla alla romana», ha detto lo spagnolo. È parso quasi un onore delle armi a una città che non lo ha apprezzato fino in fondo. Ma non ne faccia una dramma, anche Falcone ci ha insegnato che le papere toccano a tutti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy