Toni: “Schick non è un centravanti. DiFra? Non capisco l’alternanza di risultati”

Toni: “Schick non è un centravanti. DiFra? Non capisco l’alternanza di risultati”

Le parole del doppio ex: “Al ceco può far bene un prestito. Alla Roma servono gli occhi di tigre sabato”

di Redazione, @forzaroma

Sei mesi alla Roma, un anno con la Juve. Due delle mille curve della carriera di Luca Toni. Con sensazioni diverse, a tratti contrapposte. Sempre a caccia di un gol, sempre pronto a lasciare il segno. “Nella Roma mi resta in mente il gol all’Inter, poteva valere lo scudetto ed è il rammarico più grande della mia carriera. Nella Juve ho avuto poche occasioni, ma mi sono tolto la soddisfazione del primo gol nello Juventus Stadium (ora Allianz, ndr )“. Ecco la sua intervista a La Gazzetta dello Sport:

Toni, come finisce sabato?
Sarà una gara ricca di gol, molto dipenderà dalla Roma. I giallorossi mancano di continuità, ma in una partita secca se la possono giocare. Serviranno rabbia e occhi di tigre, altrimenti la Juve è più forte.

Già, una squadra costruita per vincere la Champions…
Con l’arrivo di Ronaldo ci può riuscire. Deve provarci, l’Atletico si può superare. La Juve oramai ha una mentalità europea. La differenza lì la fanno la testa e la voglia di comprare campioni che hanno dentro voglia di vincere. E chi ha vinto tanto vuole continuare a farlo.

 

Dall’altra parte, invece, ancora non è certo il ritorno di Dzeko. Dovesse mancare ancora lei rilancerebbe Schick?
Per me Dzeko è forte, uno di quelli che i gol li fa sempre. Schick, invece, per me non è un centravanti, ma più una seconda punta. Da lui è sbagliato aspettarsi dai 20 gol in su. Il prestito? A volte cambiare ambiente fa anche bene.

Di Francesco è in bilico. Lei ci punterebbe ancora?
Difficile dirlo da fuori, di certo conosce bene l’ambiente. Non capisco però l’alternanza di prestazioni. In campionato è una Roma troppo brutta. Va bene la Champions, ma per rifarla devi arrivare tre le prime 4.

 

Ranieri, Delneri e Conte, i suoi allenatori con Roma e Juve.
Ranieri per me è molto bravo nella gestione dei giocatori. Alla Roma feci bene, purtroppo i dirigenti fecero altre scelte, preferendo giocatori che poi non si rivelarono così bravi. Con Conte ho giocato poco, voleva ringiovanire. Ma è bravo, maniaco della tattica. Delneri invece lasciamo stare. Diciamo che sono stati sei mesi veloci.

Senza lei, Totti e Di Natale il calcio italiano ha perso quasi mille gol. Chi li compenserà?
Noi eravamo una generazione che parlava con i gol e non su Instagram. Difficile dirlo ora. Ci sono Immobile, Insigne, ancora Quagliarella. Ma andare oltre i cento ora è dura…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy