Tensione con la Russia per gli incidenti in Champions

I tifosi del Cska ribadiscono: non ci sono stati salti sulla scala mobile. Ma per Salvini sono loro i responsabili del cedimento

di Redazione, @forzaroma

Il bilancio per quanto riguarda le tensioni nei pressi dell’Olimpico è di quindici romanisti identificati: la loro posizione è al vaglio della Digos e con ogni probabilità verranno daspati. Sul fronte scontri è poi emersa ieri un’altra notizia: lunedì sera alla stazione Termini, alcuni tifosi del Cska hanno aggredito due sottufficiali della Guardia Costiera (che hanno riportato 15 e 20 giorni di prognosi) per poi fuggire a piedi. Cinque di loro sono stati fermati e denunciati, un sesto è stato arrestato con l’accusa di lesioni gravi.

Come riporta “La Gazzetta dello Sport”, più complicata la situazione legata alla scala mobile, anche perché l’incidente è diventato pure un caso politico. Oltre all’indagine dell’Atac, la Procura di Roma ha aperto due fascicoli, uno per lesioni e l’altro per disastro colposo. La polemica riguarda il comportamento dei russi: i tifosi ribadiscono di non aver mai saltato, Salvini parla di “decine di ubriachi pseudotifosi che saltavano”, il presidente della Commissione per lo Sport della Duma, Degtiariov, gli chiede di scusarsi all’istante. Il tutto mentre il premier Conte a Mosca applaude con Putin agli accordi miliardari tra Italia e Russia.

(E. Esposito)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy