Tanti auguri mio capitano. Campione fratello amico Simbolo bandiera mito

Oggi si celebra la nascita del Gesù romanista. Dio perdoni la blasfemia.

di finconsadmin

Se essere romanisti significa credere in una religione — laica, ma pur sempre uno straordinario atto di fede —, buon Natale a tutti! Dio perdoni tanta blasfemia, ma oggi, giorno d’apertura del 38 dopo Totti, si celebra la nascita del Gesù romanista. Chiunque tifi, sospiri, gioisca, imprechi, esulti e si commuova per questi colori, festeggia il Natale il 27 settembre. E del resto, prima del suo avvento sulla Terra, il romanista venerava il divino Falcao come una Madonna. Ma chi è Francesco Totti? Un campione, un fratello, un amico. Un simbolo, una bandiera, un mito. Per chi lo ha visto e ne ha goduto dal principio, da quel pomeriggio di marzo del 1993, è un compagno di vita. Per chi è diventato romanista con e grazie a lui, è praticamente uno di famiglia. Difficile, quasi impossibile, scegliere le parole giuste per una ricorrenza tanto speciale. Per questo ringraziamo i 38 personaggi di questa pagina, a cui abbiamo chiesto uno sforzo titanico: limitare alla misura di un tweet, i loro auguri a Francesco Totti. Noi ci tiriamo fuori da questa impresa e molto più comodamente prendiamo in prestito le parole illuminanti del collega Piero Torri: «Totti? È quello che mi ha fatto alzare duecentonovanta volte dal mio seggiolino». È a ogni gol è arrivato Natale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy