Tachtsidis: «De Rossi era il mio idolo»

di Redazione, @forzaroma

(Gazzetta dello Sport – A.Pugliese) Istantanee di una mezza giornata libera, concessa a sorpresa da Zeman e accolta come manna dal cielo dai giocatori: c’è chi si è dedicato allo shopping in centro a Irdning e chi al golf (nel campo dell’albergo), con Zeman, Claudio Amendola, Pjanic, Balzaretti e Florenzi sul green, e quest’ultimo capace di battere l’attore. L’unico a lavorare in palestra è stato Bojan, che sta recuperando dal problema all’inguine; in mattinata, lo spagnolo si era diviso tra fisioterapia e palestra, così come Bradley. Pomeriggio libero, mattina soft: fatta eccezione per un lavoro con ostacoli e una corda da saltare, è stato un allenamento esclusivamente tecnico-tattico, segno che i carichi di lavoro diminuiscono.

Volto nuovo Chi si è già messo in pari con i compagni è sicuramente Panagiotis Tachtsidis, che nella tournée americana ha mostrato le qualità per poter stupire la Roma, così come ha già fatto con Zeman: «Siamo una buona squadra, anche se siamo solo all’inizio — dice il greco a Roma Channel —. Con la mentalità di vincere ogni partita si può puntare in alto. Quando ero in Grecia il mio modello era De Rossi: è un grande giocatore e mi fa piacere lavorare con lui perche miglioro tantissimo, mi consiglia e questo è importante». Nell’idea di Zeman, in quel ruolo, ci sono proprio Daniele e «Pana»: «Sono qui per migliorare e dare il 100%. La fatica è tanta, ma è normale, visto che il Pescara lo scorso anno andava a mille all’ora. Ma penso che questo lavoro farà bene anche a noi». Magari anche per realizzare il sogno di tutti quelli che arrivano a Roma: «Un gol nel derby, sarebbe importante». 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy