Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

La Gazzetta dello Sport

Su Zaniolo l’ombra della Juve. Pinto: “Nicolò resta? Non garantisco”

Getty Images

Il general manager sul futuro e sul rinnovo del giallorosso: "Non è il momento dei singoli". E i bianconeri aspettano l’attimo giusto

Redazione

Chissà, magari gli è uscita male, come ha detto a qualcuno in tarda serata. O magari ha voluto semplicemente essere onesto, visto che nel calcio di oggi non esistono più intoccabili. Sta di fatto, però, che quel "no, non posso garantire che Zaniolo il prossimo anno sarà sicuramente un giocatore della Roma" detto ieri da Tiago Pinto ha agitato non poco il pomeriggio della Capitale, scrivono LUca Bianchin e Andrea Pugliese su La Gazzetta dello Sport. Anche perché da un po’ nei corridoi del calciomercato – tra l’altro appena concluso – si vocifera di un interesse sempre più forte dellaJuventus per l’attaccante giallorosso. Per ora un interesse, appunto, come è anche normale che sia, considerando l’immenso valore di Nicolò. Ma chissà che quell’interesse non possa diventare anche un’offerta concreta, se la situazione contrattuale di Zaniolo non si sbroglierà presto. Del resto, Pinto ha tenuto anche a sottolineare come "né io né nessun altro può garantirlo". Neanche i Friedkin, dunque? Difficile dirlo.  La Juventus invece per ora si gode il grande gennaio ma ci pensa, ci pensa per davvero. Conta il giusto che alcuni bookmaker diano il passaggio di Zaniolo alla Juve a 2,50 – quota bassina, tipica di eventi probabili -, conta di più che Nicolò rientri perfettamente nella logica di progetto bianconera. Giovane, testato, con caratteristiche da calcio europeo. Soprattutto, banalmente, un calciatore forte, uno dei pochi di A che possono attirare serio interesse dalla Premier.  Il progetto Zaniolo in bianconero avrebbe un senso anche perché si aggiungerebbe al nucleo italiano, l’ideale post-Chiellini e, con più calma, post-Bonucci. Chiesa, Locatelli, Bernardeschi, Luca Pellegrini, Kean, De Sciglio, Rugani, Perin, Pinsoglio: non tutti sono strategici e non tutti resteranno, però contribuiscono a creare un gruppo.