Stand-by Sancho, il Borussia Dortmund frena nella corte a Zaniolo: erano pronti 50 milioni

I tedeschi avrebbero messo sul piatto una cifra importante in caso di addio dell’inglese direzione Manchester United. Ma la trattativa si è arenata

di Redazione, @forzaroma

Tra tante gemme, la più preziosa, quella che il Borussia Dortmund aveva scelto per il dopo Sancho è rimasta nascosta. I tedeschi infatti avevano individuato in Nicolò Zaniolo il talento perfetto per raccogliere l’eredità del gioiello inglese, riporta “La Gazzetta dello Sport”. Una tentazione da 50 milioni durata poco per la Roma e Zaniolo, vista la decisione di stoppare la partenza milionaria di Sancho in direzione Manchester.

Il piano A del Borussia portava solo e soltanto a Zaniolo, un’idea cullata per qualche settimana e messa da parte, almeno in questa estate di trattative, dopo la scelta di rompere con lo United. I Red Devils hanno messo sul piatto 80 milioni più 20 per arrivare a quota cento per Sancho. Una cifra che non solletica il Borussia, che partiva da una richiesta di 150 milioni per il suo top player. L’asticella è scesa a 120 milioni, ma era comunque lontana dalle intenzioni dello United e le parole di Zorc hanno messo la parola fine ai dialoghi tra club.

La cronaca delle ultime ore mette dunque fine alle ambizioni del Borussia di regalarsi il colpo Zaniolo. Durante le trattative per Sancho al Manchester United, l’offerta più allettante preparata dal d.s. Zorc era per il romanista. Il Borussia Dortmund aveva messo sul piatto 40 milioni con l’intenzione di rilanciare a 50 pur di ingolosire la Roma. Dalla Capitale non hanno nemmeno avuto il tempo di valutare se riconsiderare l’incedibilità di Zaniolo. L’offerta per l’ex interista poteva essere la prima spina nel fianco sul tavolo del neo proprietario Friedkin e mettere in dubbio le certezze di Nicolò. Una tentazione che potrebbe tornare di moda a Dortmund qualora uno scossone imprevisto cambiasse i piani sul gioiello Sancho.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy