Spalletti shock «Siamo deboli temevo un’altra grande disfatta»

“Bisogna prendere atto della realtà, abbiamo perso 2-0 e il Real Madrid ha meritato questa qualificazione. I nostri errori sono stati dettati dalla bravura degli altri, ma bisogna prendere atto della realtà”

di Redazione, @forzaroma

La sensazione più forte che domina la Roma è una: la Champions League è la nostra casa, guai a lasciarsela sfuggire ancora una volta. Certo, bisognerà aspettare. Per questo c’è malinconia negli occhi di Florenzi quando dice: «Purtroppo nel calcio il cinismo paga sempre e noi ne abbiamo avuto poco, come all’andata. Non siamo riusciti a fare gol, e alla fine a questi livelli è ciò che conta».

Spalletti non fa sconti ai suoi: «Bisogna prendere atto della realtà, abbiamo perso 2-0 e il Real Madrid ha meritato questa qualificazione. I nostri errori sono stati dettati dalla bravura degli altri, ma bisogna prendere atto della realtà. Che poi dice che abbiamo perso 2-0, il resto sono altri discorsi. Dobbiamo essere realisti: abbiamo avuto il triplo delle occasioni, ma fare un gol avrebbe cambiato la mentalità della partita. Ora zitti tutti e a casa. Ce la dovevamo giocare, guai a chi dice che abbiamo fatto bene. Gli si può fare anche i complimenti ai giocatori, ma dobbiamo crescere come mentalità e convinzione, non ci aiutiamo. Siamo deboli in alcuni aspetti, c’è poco da fare. Il Real non sta passando un bel momento, non è qualcosa di irresistibile. In futuro metteremo a posto qualcosa, ma essere soddisfatti di queste due partite mi angoscia: figurati a che livello siamo caduti di testa se siamo contenti dopo due sconfitte per 2-0, temevo un’altra disfatta. Bisogna velocemente prendere atto della realtà, senza raccontarci favole o la strada sarà ancora più dura. Dobbiamo crescere, se no non va bene. Io arrivato troppo tardi? Non voglio tirare dentro il lavoro di chi mi ha preceduto, che è stato un bel lavoro. Per come ho visto la squadra nell’ultimo periodo, è nella direzione giusta, ma serve fare dei balzi, non dei passettini in avanti. Quando rientro dopo il 2-0 di stasera e vedo i giocatori predisposti a essere soddisfatti… Questa cosa mi crea un malessere difficile da superare. Se uno rientra nello spogliatoio e non è arrabbiato, non si rende conto dell’occasione che ha buttato via. Ci sono partite che rimarranno nella storia del calcio, per sempre, e questa era una di quelle: ti apriva una scorciatoia verso il calcio mondiale, più di quella che ti danno 38 partite di campionato». E il rimpianto, come riporta “La Gazzetta dello Sport”, si sente forte e chiaro, così come i tuoni di Spalletti.

(M. Cecchini)

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. encat - 5 anni fa

    finalmente qualcuno che non sta sempre lì a difendere l’indifendibile, come ci eravamo tristemente abituati col francese.
    Una sconfitta è sempre una sconfitta, nel calcio puoi essere bravo quanto ti pare, ma contano i numeri, e i numeri dicono due partite, due sconfitte, zero gol fatti e quattro subìti
    Si, d’accordo, era il Real, ma era anche il Real peggiore degli ultimi anni, e la Roma di occasioni ne ha avute tantissime
    Non siamo una grande squadra, la strada è ancora lunghissima, Spalletti ne ha di lavoro da fare, ma l’imprinting è quello giusto, non si può essere contenti di due sconfitte, come sarebbe accaduto in altri tempi neanche troppo lontani, quando ci si esaltava per tre 0-0 consecutivi
    Adesso dimentichiamo la champions e avanti col campionato, che pure il Napoli sta dando segni di cedimento e il secondo posto non è impresa impossibile

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy