Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

La Gazzetta dello Sport

Sorteggi, meglio evitare Marsiglia, Leicester e anche il PSV

Getty Images

A Nyon (ore 15) si decide la rivale dei quarti di finale e della eventuale semifinale: ecco tutte le possibilità

Redazione

C’è un nome che fa sobbalzare i tifosi giallorossi tra quelli delle 7 squadre che oggi nell’urna di Nyon (ore 15, diretta Dazn e Sky Sport 24) potranno essere abbinate alla Roma per i quarti di Conference: è quello dei norvegesi del Bodo che lo scorso 21 ottobre nella partita casalinga della fase a gruppi hanno demolito la squadra di Mourinho (6-1), per poi uscire imbattuti (2-2) anche nella gara disputata all’Olimpico. Sarebbe l’occasione giusta, scrive Davide longo su La Gazzetta dello Sport, per regolare i conti... Sono invece 3 gli avversari possibilmente da evitare nel sorteggio di oggi, che si svolgerà senza vincoli e che prevede la composizione di un tabellone tennistico fino alla finale. Il primo è il Marsiglia di Sampaoli: secondo in Ligue dietro il Psg, abbina tecnica e fisicità. C’è l’ex Cengiz Under, ci sono altre vecchie conoscenze della Serie A come Lirola e Milik, stelle un po’ decadute ma sempre di valore (Payet) e giovani emergenti come il centrocampista Mateo Guendouzi, approdato nella nazionale di Deschamps. Meglio evitare anche l’incrocio con il Leicester di Brendan Rodgers. Il centravanti Jamie Vardy, stella dello storico scudetto di Ranieri, è tornato da poco a disposizione dopo un lungo infortunio. Ci sono poi l’attaccante nigeriano Iheanacho, il centrocampista Albrighton e, soprattutto, la stella James Maddison, 25enne trequartista e nazionale inglese dotato di tecnica sopraffina e fiuto del gol. Il terzetto delle avversarie da evitare è completato dal Psv di Schmidt, che si sta giocando il titolo in Eredivisie con l’Ajax. La gloria è Mario Gotze il tedesco che decise la finale mondiale del 2014, ma ci sono altri giocatori da tenere d’occhio come l’attaccante 22enne Gakpo nel giro della nazionale olandese. Oltre al Bodo, non fanno paura il Feyenoord di Slot (attenzione però a Reiss Nelson), il Paok, la cui difficoltà maggiore sarebbe di tipo ambientale e lo Slavia Praga che rievoca una beffarda eliminazione nella Coppa Uefa del 1996. Un’altra occasione di rivincita...