Sì, ora sei da scudetto “E adesso qualcuno si spaventerà”

di Redazione, @forzaroma

(Gazzetta dello Sport – C.Zucchelli) Piedi per terra. La Roma, dopo l’ottava vittoria di fila, cerca di mantenere la calma e a parole i giocatori ci riescono pure.A tradirli sono i loro occhi (lucidi, come quelli di De Rossi), i sorrisi, gli abbracci (come quelli che uno zoppicante Gervinho riserva a tutti) e tutti quei gesti che i calciatori cercano di lasciare sigillati nello spogliatoio. Il segreto di questa Roma, d’altronde, è proprio lì. Lo rivela Daniele De Rossi, che dice di «voler spendere due parole per Marco Borriello. È stato il migliore e non solo per il rigore. Una volta doveva andare al Genoa, un’altra alla Cremonese, un’altra ancora alla Nocerina. È l’esempio di professionalità, e quando sei così, nonostante qualche fischio assurdo, puoi toglierti tante soddisfazioni». Proprio Borriello dice: «Qui ho davanti Totti, ma quando entro nella mischia rispondo bene. Sono rimasto a Roma grazie all’atmosfera che si respira, dall’arrivo di Garcia è cambiato qualcosa. Per lo scudetto ci sono squadre più attrezzate ma noi metteremo pressione a tutti».

 

 

 

RICORDI AMARI  È felice, De Rossi, lontano parente di quel giocatore che un anno fa veniva bacchettato da Zeman. Oggi salva i gol sulla linea («ma il merito è di De Sanctis, se non la toccava lui io non ci arrivavo neanche col motorino»), fa il centrale di difesa e il primo regista di centrocampo, e si gode una Roma, a suo dire, «fortissima. Ma queste otto vittorie contano fino a un certo punto. Nel 2006 ne abbiamo fatte 11 di fila e siamo arrivati quinti». Ricordi amari, quelli che cita De Rossi. Meglio pensare al futuro: «Presto per parlare di scudetto, Garcia (che ha concesso tre giorni di riposo, martedì la ripresa, ndr ) parla sempre dell’Atletico che in Spagna ha sempre vinto, eppure non si parla di titolo. Noi siamo forti, già arrivare tra le prime tre sarebbe un grande risultato. Dobbiamo avere la giusta umiltà ma dobbiamo essere realisti, magari qualcuno si spaventerà. Anche noi però portiamo rispetto a squadre come Juventus, Napoli e Fiorentina».

 

 

 

SUPERMARCO  Da De Rossi a Florenzi: «Credo che Borriello sia stato il migliore in campo». Uscito accompagnato da un’ovazione, Florenzi prova a non volare troppo alto: «Dobbiamo farci trovare pronti ed essere continui, solo così potremo dire la nostra».

 

 

 

CATTIVI  Ma dove vuole arrivare la Roma? Secondo Mehdi Benatia, «per lo scudetto ci sono squadre più forti. Noi dobbiamo tornare in Europa perché la Roma deve giocare in Europa ogni anno. Se poi ci sarà l’opportunità di fare di più ci proveremo». Come? La ricetta, per il difensore marocchino, è una: «Con tanta cattiveria. Senza quella non si va da nessuna parte». E la Roma adesso vuole andare davvero lontano

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy