Sforare a giugno per vendere al prezzo giusto

Sforare a giugno per vendere al prezzo giusto

Tanti possibili acquirenti di calciatori giallorossi offrono cifre al ribasso sapendo della tagliola del 30 giugno che incombe

di Redazione, @forzaroma

La domanda galleggia nei “sancta sanctorum” dei club europei da diverso tempo: ma davvero il “fair play” finanziario è senza difetti? Oltre a chiederselo, nella Roma vogliono correre anche ai ripari, e le ragioni non mancano, scrive Massimo Cecchini su La Gazzetta dello Sport.

Com’è noto, entro il 30 giugno il club giallorosso deve mettere a bilancio circa 45 milioni di plusvalenze. Il problema è che tutto ciò non è un segreto (e questo vale anche per diverse altre società, naturalmente), falsando così un po’ il mercato, visto che tanti possibili acquirenti di calciatori della Roma offrono cifre al ribasso sapendo della tagliola che incombe.

Da tempo, infatti, lo stesso club ha avanzato alla Uefa l’idea di spostare il consuntivo al 31 agosto, consentendo a ciascuno dei «player» di fare un mercato non drogato (in negativo) dalle contingenze, cosa che consentirebbe di cedere i giocatori al loro valore reale e non sottocosto. Ecco, l’impressione è che la società giallorossa non abbia intenzione di farsi mettere all’angolo, ipotizzando anche l’ipotesi di sforare a giugno – domenica prossima calerebbe il sipario –per essere a posto appunto a fine agosto.

Se davvero a Trigoria coltiveranno la voglia di “trasgressione”, l’avviso ai naviganti del mercato: per Manolas e tutti gli altri non aspettatevi sconti. Il prezzo dev’essere giusto. Per tutti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy