Scudetto, classifica finale ed Europeo: ecco cosa succede adesso al campionato

Scudetto, classifica finale ed Europeo: ecco cosa succede adesso al campionato

Rinviati altri due turni, oggi si proverà a disegnare un piano per la ripresa dopo il 3 aprile. C’è l’ipotesi di non assegnare il titolo

di Redazione, @forzaroma

Europeo, Champions, tv e coppe: cosa cambia adesso con lo stop fino al 3 aprile? Se lo è chiesto “La Gazzetta dello Sport”, che ha stilato cinque risposte alle domande che si è fatta l’Italia del pallone per capire di più su come saranno i prossimi mesi.

Che cosa succede adesso al campionato?
Saranno rinviati altri due turni (l’ultimo weekend di marzo era prevista la sosta per le amichevoli della Nazionale, anche loro a fortissimo rischio). Oggi si proverà a disegnare un piano per la ripresa dopo il 3 aprile.

Promozioni, retrocessioni, scudetto: cosa cambia?
È un tema su cui c’è una sorta di vuoto normativo. Nel consiglio federale di oggi si potrebbe affrontare il tema. La prospettiva di una classifica definitiva all’ultima giornata completa non convince tutti. C’è l’ipotesi di non assegnare il titolo.

Champions ed Europeo: qual è la situazioni ad oggi?
Per l’Uefa, Champions ed EL vanno avanti, tra stadi aperti e chiusi. In caso si può ricorrere a gare in campo neutro. Decidono naturalmente i governi. Per l’Euro 2020 è ancora presto, ma si dice che l’Italia potrebbe chiedere un rinvio all’Uefa.

I giocatori possono comunque allenarsi?
ì, potranno allenarsi in attesa. Perché il nuovo DPCM di ieri sera non toglierà agli «atleti professionisti» la possibilità di andare avanti con l’attività ovviamente senza competizioni (tranne quelle europee a porte chiuse).

Che cosa accade ai diritti tv del calcio?
Al momento non ci sono risposte sulla situazione dei diritti tv dopo le stop alle prossime tre giornate. Ma lunedì 16 si terrà l’assemblea di Lega (in videoconferenza) sui diritti 2021-24: sarà l’occasione per parlarne.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy