Rugani, aspetta: una frenata tra Roma e Juve. A Trigoria pausa di riflessione

Qualche dubbio e valutazioni diverse sulle contropartite. Intanto il Besiktas piomba su Gonalons, trattativa avanzata

di Redazione, @forzaroma

Non è una trattativa ancora chiusa, anzi. Il passaggio di Daniele Rugani alla Roma resta ancora in sospeso, anche se potrebbe sbloccarsi da un momento all’altro. Magari anche oggi, considerando che domani la Juventus (e di conseguenza Paratici) sarà già immersa nella prima partita di campionato, a Parma.

La convenienza per la Roma sarebbe quella di prendere il difensore centrale che cerca da un po’, per la Juventus di portare a casa due giovani promettenti come Riccardi e Celar. il primo alla fine dovrebbe essere valutato circa 9 milioni, il secondo tra i 4 e i 6. Insomma, così facendo la Roma abbasserebbe di molto anche l’esborso economico, per un’operazione che complessivamente a Trigoria valutano tra i 23 ed i 25 milioni di euro, spiega Andrea Pugliese su La Gazzetta dello Sport. Rugani, da parte sua, ha già detto sì al trasferimento ed in giallorosso andrebbe a guadagnare gli stessi soldi che guadagna alla Juventus, dove il rinnovo dello scorso marzo lo ha portato ad un ingaggio stagionale di tre milioni più bonus.

La prima richiesta della Juventus era stata Devid Bouah, terzino destro di 18 anni, valutazione circa 6 milioni di euro. La Roma però ha detto no, perché ritiene il difensore un ottimo prospetto per il futuro. Lo stesso Fonseca ci ha lavorato su all’inizio di questa stagione, traendo delle indicazioni positive su cui vuole insistere. Riccardi, invece, sembra non godere ora della stessa fiducia che aveva con la vecchia dirigenza (Monchi e Massara).

Nel frattempo il filo conduttore tra la Roma e la Turchia va avanti. Potrebbe finire lì infatti Maxime Gonalons, specificatamente al Besiktas. La trattativa è già ben avviata, prestito con diritto di riscatto, sulla falsa riga di quanto fatto per Nzonzi con il Galatasaray.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy