Rosetti: “Campionato migliore, la Var toglie tre errori a giornata”

Il responsabile della moviola in Italia: “Numeri positivi, si gioca di più. Il tempo perso? Come una sostituzione”

di Redazione, @forzaroma

“Capisco la paura, è un sentimento normale quando si cambia abitudini in modo radicale. Ma non è più pensabile tenere la tecnologia in disparte. La Var è migliorabile, siamo in fase di sperimentazione, ma l’obiettivo è quello di avere un calcio più giusto e spettacolare. Perché perdere uno scudetto, una finale o una semplice partita per un errore umano evidente che si può correggere nello stesso tempo di una sostituzione? Chi pensa che la Var sia solo un aiuto agli arbitri, non ha ben capito la portata della svolta epocale”. Roberto Rosetti, responsabile della moviola in Italia, ha rilasciato un’intervista al quotidiano “La Gazzetta dello Sport”. Questo un estratto delle sue dichiarazioni sulla moviola:

Rosetti, quante volte la Var si è azionata?
“Sono 309 le azioni finite sotto la lente d’ingrandimento della tecnologia nei primi 7 turni: in 288 casi la scelta della terna arbitrale è stata confermata, 21 volte cambiata. Una media di 3 errori evitati a giornata”.

La Var ha un effetto domino positivo, specie sui falli di gioco.
“Sono diminuiti: erano stati 260 nelle prime 7 giornate dello scorso torneo, oggi ci fermiamo a 203. I gialli sono passati da 313 a 245, i rossi da 24 a 15. C’è più attenzione da parte dei giocatori, sanno che rischiano di più e limitano alcuni comportamenti. Le proteste sono quasi scomparse, una specie di miracolo in Italia. Ed è da sottolineare pure la serenità dei tifosi allo stadio di fronte a una decisione cambiata con l’aiuto della tecnologia”.

Ci sono anche effetti collaterali poco graditi: quanto si è rallentata una partita?
“Poco o nulla. Faccio notare che per una sostituzione si perde spesso più di un minuto. Comunque, prendiamo il gioco effettivo in A: nello scorso campionato è stato 50’ e 19’’ a gara. Basso se confrontato col resto d’Europa. Nelle prime 7 giornate siamo a 51’ e 10’’. Quindi aumentato”.

 

 

 

Offside tema caldo: l’obiettivo è averlo in modalità tecnologica come per il gol non gol.
“Si stanno già sperimentando cose simili in ambito Fifa. Non è semplice perché parliamo di azioni in movimento, ma il futuro è questo”.

 

 

 

Gli errori della Var?
“Un paio, come il rigore dato al Genoa contro la Juve: prima c’era fuorigioco dell’attaccante”.

Altro punto discusso: su rigori e gol va controllata l’intera azione d’attacco. Come funziona da protocollo?
“La verifica parte da quando la squadra entra in possesso palla, poi serve continuità nell’azione. Non c’è un limite temporale o di campo. Se commetto una irregolarità nella mia area e poi riparto fino a segnare, la Var riporta l’azione alla prima infrazione: rete annullata e rigore contro”.

Protocollo Ifab seguito nel gol cancellato alla Juve a Bergamo?
“Alla lettera, c’è continuità. Come c’era nel rigore revocato all’Atalanta per il recupero palla fuori dal campo di Petagna”.

 

 

(F. Ceniti)

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy