Roma si affida ai collezionisti di trofei

Mkhitaryan, Smalling e Pedro hanno già vinto la Coppa: lo Shakhtar è avvisato

di Redazione, @forzaroma

Diciamolo, con quasi un secolo in tre sulle spalle, probabilmente nei loro occhi difficilmente potrete vedere la fame dei ventenni che al calcio chiedono ancora tutto, scrive Massimo Cecchini su La Gazzetta dello Sport.

Ma se guardate bene, scorgerete invece la luce dell’istinto killer, la saggezza di quelli che nei momenti difficili non si fanno mai prendere dal panico. Non è un caso, in fondo, che Henrikh Mkhitarian, Chris Smalling e Pedro abbiano vinto 53 trofei complessivi, e tutti quelli più importanti che c’erano in palio. Tra gli altri, anche l’Europa League. L’armeno e l’inglese l’hanno vinta in tandem, nella stagione 2016-17, quando in finale il loro Manchester United ha battuto l’Ajax per 2-0, santificando la partita con l’assist (di Smalling) e la rete (di Mkhitaryan) per la seconda marcatura.

Lo spagnolo, invece, l’ha vinta due anni più tardi, nel Chelsea allenato da Maurizio Sarri, entrando anche lui nel tabellino della finale siglando uno dei quattro gol con cui i “blues” hanno superato l’Arsenal in uno stravagante derby di Londra. Morale: proprio per questo la Roma di Fonseca si affida a loro già domani contro lo Shakhtar Donetsk, in un’andata di ottavo di finale che avrà un peso specifico non banale.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy