La Roma fissa l’asticella: sotto Dzeko non si scende

A Trigoria sono davvero convinti di riuscire a chiudere l’operazione che porta il bosniaco in maglia giallorossa. Il Piano B porta a Lacazette

di Redazione, @forzaroma

Cosa fare, un giorno di inizio luglio a Roma, se non l’esegesi delle parole di Walter Sabatini a proposito di Edin Dzeko? Così funziona a Roma. Tutti a cercare di capire se dietro le parole del d.s. si nasconda ancora una volta una manovra di depistaggio stile Carlos Bacca, o se di Sabatini nella serata di Perugia ha parlato esclusivamente il cuore. La verità è al centro.

 

La verità è che a Trigoria sono davvero convinti di riuscire a chiudere l’operazione Dzeko. Perché i segnali arrivato dal bosniaco e dal Manchester City sono chiari. Perché Miralem Pjanic ha fatto il suo lavoro fino in fondo. Perché Rudi Garcia l’ha messo in cima alla lista. E perché non ritengono troppo difficile convincere il City con una proposta di poco superiore ai 20 milioni di euro, considerati i piani di sfoltimento del club inglese.

IL PIANO B La settimana che inizia domani rischia di essere decisiva nell’avvicinamento al bosniaco. Ma è evidente che Sabatini si stia muovendo su più tavoli contemporaneamente. Se una certezza c’è, in ogni caso, è che ora al di sotto dell’asticella Dzeko sarà difficile scendere. E allora l’altra pista da seguire con attenzione, il vero piano B di Sabatini, è quella che porta dritto ad Alexandre Lacazette, 24 enne che il Lione non considera «incedibile» come dice Sabatini, ma al momento non trattabile per una cifra inferiore ai 30 milioni di euro. E su Lacazette si sta muovendo forte il Liverpool, senza dimenticare il pressing datato del Psg.

TERZINI E PORTIERE Pressing che la Roma ha provato a mettere su con il Torino per Bruno Peres e Darmian: l’incontro tra Sabatini e Cairo di venerdì ha di fatto confermato alla Roma le difficoltà dell’operazione. Sabatini ha provato a inserire Carbonero nell’affare con il Torino, ricevendo una risposta negativa. Detto che il sogno a sinistra resta Kurzawa, che l’Augsburg pare considerare Baba il nuovo Roberto Carlos, va segnalato il sondaggio della Roma sul brasiliano del Chelsea Filipe Luis: affare complicato, da Londra sparano risposte in doppia cifra. In ogni caso, l’acquisto sulla fascia a Trigoria è al momento considerato prioritario rispetto a quello del portiere: alla Roma offerto il brasiliano Allison, interesse moderato. A proposito, Lobont si aggregherà solo il 14 per motivi privati.

CASO HOLEBAS E poi c’è il capitolo dolente delle uscite: Holebas ieri non ha incontrato i dirigenti della Roma. Lo farà oggi, in un simpatico incrocio con la squadra che si raduna. A Trigoria si vedrà pure Destro, che la Roma ha autorizzato a trattare con altri club. Non c’è solo il Monaco: sullo sfondo si muove la Fiorentina. Chiusura su Keita: il maliano oggi non sarà al raduno perché ha comunque risposto alle convocazioni della sua nazionale a giugno. È atteso per l’Australia. Ma in ogni caso, il rinnovo di un anno non è stato ancora materialmente firmato né tantomeno annunciato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy