Roma, adesso Zaniolo è solo oro. E ha già fatto meglio di Totti…

Nicolò a segno alla nona presenza in A, l’ex capitano dovette aspettare l’undicesima. Monchi: “All’Inter non sono scemi, ma su qualcosa dovevano cedere per Nainggolan…”

di Redazione, @forzaroma

Ieri ha pensato soprattutto ad allenarsi, anche se poi è stato un allenamento defaticante. Insomma, niente di particolare, anche se qualcosa di particolare in realtà Nicolò Zaniolo l’aveva fatto mercoledì sera, contro il Sassuolo, quando con quello scavetto con cui ha messo a sedere Consigli e Ferrari ha ricordato in molti un certo Francesco Totti. Ed è proprio per questo, per l’imponenza del paragone, che ieri a Trigoria hanno fatto quasi finta di niente. Nessun complimento, nessuna iperbole particolare. Perché Nicolò Zaniolo sta vivendo qualcosa che può essere anche più grande di lui ed allora è meglio tenerlo con i piedi ben saldi per terra. Che poi sia diventato di fatto il colpo di mercato di Monchi lo dimostrano i fatti, scrive Andrea Pugliese su “La Gazzetta dello Sport”.
E invece la scorsa estate è stato bravo il d.s. Monchi a portarlo in giallorosso e Di Francesco a chiederne la conferma, quando proprio nell’ultimo giorno di mercato lo stesso direttore sportivo era a caccia di una squadra che gli permettesse di giocare e accumulare esperienza. Alla fine, invece, Di Francesco ha chiesto di averlo ancora con lui e così è stato. Ma se c’è una cosa che a Milano si chiedono sempre più con insistenza è come l’Inter possa aver deciso di liberarsi di un talento così. A spiegarlo ieri è stato lo stesso Monchi“Mentre stavamo trattando per la cessione di Nainggolan ai nerazzurri avevamo presentato due richieste: Radu e Zaniolo, ma il portiere era già stato girato al Genoa. L’Inter non voleva vendere Zaniolo, mica sono scemi, ma volendo contemporaneamente prendere anche Radja era normale che dovesse cedere su qualcosa”.
Così Zaniolo ora si gode il suo primo gol in Serie A, giunto alla sua nona presenza in Serie A. Tanto per restare nell’ambito di quel paragone scomodo con Totti, l’ex capitano giallorosso il suo primo sigillo nella massima serie lo segnò al Foggia alla sua undicesima presenza (anche se per Totti era solo la terza dal via, per Zaniolo siamo già ad otto). A Parma toccherà ancora a lui, chissà che non arrivi un’altra piccola magia.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. cpg35600 - 2 anni fa

    A questa “notizia” mi viene da ridere!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy