Roma: 40 milioni per tornare in alto

di Redazione, @forzaroma

(La Gazzetta dello Sport) – «Mio figlio si chiama Santiago e non farà il calciatore, forse il giornalista».

Visto lo scarso gradimento che ha la categoria nei sondaggi degli italiani, probabilmente la confessione che ha fatto il d.s. Walter Sabatini alla rivista sociale, non è stata esattamente di buon augurio per il baby. Ma, se mai decidesse d’inoltrarsi nel folkloristico mondo della comunicazione sportiva, crediamo che Sabatini junior fra qualche anno avrà senz’altro corsie privilegiate per conoscere i segreti di mercato. Certo, ce ne sarebbe bisogno anche oggi, visto che — grazie anche al recente viaggio compiuto da Franco Baldini negli Usa alla corte di James Pallotta — sembra proprio che la Roma potrà investire sul prossimo mercato una cifra in linea con quella della passata stagione, cioè circa 40 milioni al netto delle uscite.

Dodò & Dedè Detto che tutto dovrà essere necessariamente messo a fuco anche in relazione al futuro monte ingaggi, alla luce degli imbarazzanti bilanci del calcio italiano vedi altrove, non proprio poco. E allora c’è spazio per sognare in diversi ruoli, anche se le priorità vertono innanzitutto su due ruoli: centrali difensivi ed esterni difensivi, non trascurando neppure un centrocampista prestante fisicamente. La Roma ha praticamente concluso l’accordo con Dodò, 20 anni, terzino di fascia svincolato dal Corinthians, mentre interessa Dedè, centrale, 24 anni, del Vasco de Gama, senza dimenticare l’interesse per Cirigliano, 22 anni, anche lui centrale. Paulinho, Casemiro & Ocampos Certo, in vista del prossimo campionato, la Roma vorrebbe essere immediatamente competitiva e per questo non vuole puntare solo su giovani di grande prospettiva in stile Lamela ma anche su giocatori «fatti». Ciò non toglie che non sia ancora tramontato l’interesse del club giallorosso per i centrocampisti Paulinho Corinthians e Casemiro San Paolo, mentre per l’attacco piace l’esterno Ocampos, 18 anni, del River Plate. […]

Ansia Pjanic In attesa di vedere gli sviluppi futuro di un mercato che si preannuncia ancora una volta pirotecnico, tocca a Luis Enrique pensare al presente. Non proprio lietissimo perché, se è vero che Totti e Osvaldo sono tornati in gruppo e quindi contro il Novara saranno disponibili, ieri a scopo precauzionale si è fermato Pjanic, che ha un problema tendineo tra gluteo e il flessore. Il bosniaco, comunque, per il match di domenica dovrebbe essere regolarmente a disposizione, anche se la condizione sarà valutata più approfonditamente oggi.

Smentita Longarini Se Pjanic ha destato preoccupazione, assai meno lo hanno fatto le voci che vogliono la famiglia dell’imprenditore Edoardo Longarini interessata a rilevare quote azionarie della Roma del pacchetto del 40% in mano a UniCredit. L’istituto di credito smentisce ed anche lo stesso Longarini chiarisce con decisione: «Non è vero niente». […]

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy