Raggi: «Accordo per un grande stadio»

La sindaca conferma: «Nessuna colata di cemento, lavoriamo per dare ai romani un impianto all’altezza»

di Redazione, @forzaroma

Vedove di Berdini all’at­tacco. Nulla di imprevi­sto, il giorno dopo l’inte­sa di massima sullo stadio della Roma a Tor di Valle, che ha pro­vocato l’uscita dalla Giunta del­l’assessore all’Urbanistica.

Come riportato nell’edizione odierna de “La Gazzetta dello Sport”, era ampia­mente previsto anche il tentativo di Virginia Raggi di smarcar­si dalle grida delle vedove, che la accusano di aver autorizzato la colata di cemento contro cui il suo ex assessore ha strenuamente ma vanamente combat­tuto. «Non c’è nessun accordo e non ci sarà alcuna colata di cemento», ha esordito così, in mattinata, la sindaca. Quasi una presa di distanza, che in serata la sin­daca ha parzialmente corretto, nella direzione di un accordo comunque molto vicino con i soggetti proponenti: «Quando si parlava di Olimpiadi, tutti con il dito puntato contro la giunta capitolina. Oggi, di fron­te alla volontà di trovare un ac­cordo per dare ai romani una struttura sportiva all’altezza del millennio e delle grandi capitali europee – ha scritto la Raggiil dito è sempre puntato contro di noi. Insomma, co­munque vada, siamo sempre additati». Il messaggio, stavol­ta, deve essere arrivato forte e chiaro anche negli States. Pal­lotta può sorridere: senza le attese autorizzazioni per lo sta­dio, infatti, probabilmente non resterebbe che un nuovo au­mento di capitale per far fronte agli impegni presi con Gold­man Sachs.

(A. Catapano)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy