Qua la fascia: “Dzeko non è più il capitano. Per ora”

Chiarimento nella Roma tra il d.g. Pinto, il bomber e Fonseca: ma la pace ha un prezzo…

di Redazione, @forzaroma

Tiago Pinto è a Trigoria per risolvere i problemi, scrive Massimo Cecchini su La Gazzetta dello Sport, e per il momento la questione che riguarda Fonseca e Dzeko è risolta: il centravanti è reintegrato (difficile però che giocherà con la Juve), lasciando in pegno la fascia da capitano. “Le famiglie risolvono i problemi e quando lo fanno ne escono più forti – spiega Pinto –. Edin è un gran professionista e un grande calciatore, una persona con un carattere molto forte che ha scritto pagine importanti della storia della Roma. Fonseca è il nostro leader, ha fatto grandi cose qui ed è la persona a cui abbiamo affidato il nostro futuro nell’immediato e a medio termine. Negli ultimi giorni abbiamo avuto delle riunioni con entrambi volte a rafforzare il sentimento di unione reciproca. Ne siamo usciti felici e vogliosi di perseguire i nostri obiettivi. Ora dobbiamo concentrarci sul bene della Roma. Un club deve fondarsi sulla disciplina e sulle regole. Per il momento Edin non è il capitano della squadra. Lavoriamo nell’interesse di tutti e lui sarà il primo a farlo”.

E in effetti emerge come il centravanti – mai isolato dal gruppo – sia stato uno dei motori del confronto. Il senso del discorso di Edin è stato chiaro: io ho sbagliato, ma l’ho fatto per il bene della Roma. Adesso dobbiamo restare uniti per raggiungere gli obiettivi.

Una cosa è certa: nella Roma dei Friedkin il ruolo di capitano concerne anche la proprietà. “È una questione attinente alla strategia per il futuro del club e coinvolge il tecnico e la società: perciò sarà sempre una decisione condivisa“.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy