Protocollo Covid violato, Fienga inibito e Manara squalificato

Il Tribunale Federale Nazionale si è espresso sul mancato rispetto del regolamento durante Napoli-Roma

di Redazione, @forzaroma

L’ammenda, settemila euro, è certamente la cosa minore. La Roma, infatti, si aspettava al massimo una multa, non certo la condanna del Ceo e del medico sociale. Invece il Tribunale Federale Nazionale ha condannato Guido Fienga e il dottor Manara, rispettivamente a 30 giorni di inibizione e ad una squalifica di 20 giorni per il mancato distanziamento e il mancato rispetto del protocollo Covid durante Napoli-Roma del luglio scorso. Dopo essere stati ascoltati ieri mattina, nel pomeriggio Fienga e Manara hanno appreso la sanzione e subito è scattato il ricorso. Adesso la Roma aspetta, nelle prossime ore, di leggere la motivazione della sentenza per capire meglio i margini entro cui muoversi.

Le certezze sono che il Ceo Fienga non potrà andare in campo o negli spogliatoi, mentre potrà parlare alla stampa, tanto che oggi alle 13.30, a Trigoria, sarà lui a presentare Pedro. Fienga potrà partecipare all’assemblea di Lega del prossimo 6 ottobre sulle questioni patrimoniali, mentre non ha la certezza di poter condurre le operazioni di mercato in prima persona. Nel caso fosse inibito anche questo sarebbe un problema non da poco per la società, visto che il direttore sportivo De Sanctis non si occupa delle operazioni maggiori in prima persona.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy