Piccola Roma, sei grande. Inter, incubo Supercoppa

I giallorossi strapazzano i nerazzurri nella finale dell’Olimpico. Doppietta di Tumminello, non incide l’altro gioiellino Pinamonti

di Redazione, @forzaroma

Ieri Tumminello ha messo a segno una doppietta, tagliando le gambe all’Inter nel momento in cui i nerazzurri provavano a rialzarsi, regalando così all’Olimpico la Supercoppa alla Roma e il 6° trofeo a livello Primavera ad Alberto De Rossi (3 scudetti, una coppa Italia e 2 Supercoppe).

Vecchi ha scelto il solito 3-5-2, provando a fare la partita col doppio regista: Awua ed eventualmente Vanheusden dal basso quando il nigeriano non ha trovato spazio per ricevere. De Rossi invece ha preferito Spinozzi a Perfection in mediana, chiedendo a Keba un extralavoro: esterno alto in fase offensiva, quarto di centrocampo in quella difensiva per cercare di riequilibrare i giochi in mezzo, dove l’Inter aveva più densità. E proprio il senegalese è stato l’uomo che ha cambiato la partita, scrive Andrea Pugliese su “La Gazzetta dello Sport“. È nato così anche il vantaggio giallorosso, con Tumminello che ha pescato Keba dalla propria metà campo e il senegalese che si è conquistato il rigore dopo una serie di finte concluse col fallo di Gravillon. Sul dischetto Marchizza non ha sbagliato.

A graffiare per prima era stata proprio l’Inter, con quel piattone ravvicinato al volo di Pinamonti su invito di Rivas su cui Crisanto ha salvato il risultato in angolo. Sembrava l’inizio di una sfida equilibrata, cosa che per un po’ lo è anche stata. La Roma però poi l’ha portata via anche col palleggio in mezzo di Bordin e Frattesi e la spinta a sinistra di De Santis. E con la grande concretezza di Tumminello. Il bello è che il 2-0 se l’è costruito da solo, rubando palla ad Auwa e chiudendo poi con un diagonale di destro l’assist di Keba. Il 2-0, però, ha spezzato gambe e idee all’Inter, la partita è finita lì. A chiudere i conti ci ha pensato ancora Tumminello di testa (su assist di Perfection) e poi Keba, tap-in su discesa di De Santis.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy