Pellegrini, giorno speciale: per battere il Sassuolo e tenere per mano la Roma

Il 6 dicembre di 5 anni fa il suo primo gol in A proprio con i neroverdi. Ora studia da regista: vuole diventare decisivo per i giallorossi

di Redazione, @forzaroma

Quel 6 dicembre di cinque anni fa non lo dimenticherà mai. Del resto, non potrebbe neanche, volendo, scrive Andrea Pugliese su La Gazzetta dello Sport.

Perché quel 6 dicembre del 2015 Lorenzo Pellegrini giocava la sua prima partita da titolare in Serie A e lo faceva proprio con la maglia del Sassuolo, a Genova, contro la Sampdoria del suo maestro Vincenzo Montella (l’allenatore che lo aveva plasmato nel settore giovanile della Roma). E siccome le prime volte possono essere anche indimenticabili, quella di Pellegrini fu addirittura meravigliosa. Perché quel giorno lì Pellegrini si concesse pure il lusso di segnare il gol del definitivo 3-1 per la vittoria del Sassuolo. Esattamente cinque anni dopo Pellegrini ritrova ancora il Sassuolo. Stavolta da avversario, come gli è già successo altre 4 volte in passato. Anche se quella di stasera sarà una sfida particolare per altri mille motivi.

Oggi è il vicecapitano della Roma e ha raggiunto un livello di maturazione che lo rende anche uno dei punti fermi della Nazionale di Roberto Mancini. Gli manca però di fare il definitivo salto di qualità, quello che lo può proiettare tra i grandi del calcio italiano (e non ). Ci sta provando in un ruolo tutto nuovo, quello di regista. Niente più trequarti per lui, a meno di casi di estrema necessità, lì Fonseca preferisce farci gravitare Pedro e Mkhitaryan. Per Lollo, invece, ha disegnato un abituo su misura da palleggiatore in mezzo al campo. Perché di lui si fida talmente tanto che lo scorso anno arrivò a definirlo “il miglior calciatore italiano della Serie A“.

Battere il Sassuolo e risalire di condizione potrebbe poi essere il modo migliore per chiudere questo 2020. Poi, da gennaio, con l’arrivo di Tiago Pinto per Pellegrini inizieranno anche le grandi manovre per il rinnovo del contratto. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy