Pedro e Mkhitaryan, quando i gol sono low cost

Arrivati a costo zero, ecco i goleador della squadra. Fonseca li adora per intelligenza, qualità e mentalità

di Redazione, @forzaroma

Se potesse scegliere, Dan Friedkin farebbe sempre operazioni così, c’è da scommetterci su. Operazioni a bassissimo costo, ma con un rendimento massimale, scrive Andrea Pugliese su La Gazzetta dello Sport. E come dargli torto, visto l’impatto che hanno avuto in questo inizio di stagione Pedro e Mkhitaryan sulle fortune attuali della Roma. Due giocatori in grado di aggiungere qualità, esperienza, carattere e mentalità vincente. Oltre ai gol, visto che i due sono anche i capocannonieri della squadra giallorossa con 4 gol (alla pari di Veretout, che però ha potuto sfruttare l’opportunità di calciare tre rigori). E la cosa bella, appunto, è che i due sono costati praticamente niente alla Roma. Gol low cost, di quelli che ti cambiano la vita non fosse altro perché vivi il vanto di aver fatto delle scelte giuste già in partenza (a dispetto anche dell’eta dei due, con lo spagnolo che ha 33 anni e l’armeno 31).

Insieme a Dzeko inventano, costruiscono e dialogano, tra di loro e con il centravanti bosniaco. Sono belli a vedersi (più Pedro di Mkhitaryan, per un’eleganza naturale nei movimenti tipica dello spagnolo) e sono tremendamente efficaci (più l’armeno, che finora ha distribuito anche tanti assist). E segnano, cosa che nella Roma attuale pesa.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy