Pastore ha ancora una marcia in meno. La Roma non cresce

Pastore ha ancora una marcia in meno. La Roma non cresce

A Benevento un k.o. che pesa sul morale dei giallorossi. Le seconde linee deludono Di Francesco

di Redazione, @forzaroma

Sarà stata anche una Roma B, ma se la partita di Benevento doveva dare delle risposte a Eusebio Di Francesco, allora è meglio che il tecnico giallorosso aspetti ancora un po’. Come riporta Andrea Pugliese su “La Gazzetta dello Sport”, ieri a Benevento la Roma è apparsa tutto tranne che una squadra. Di più, qualcosa ancora di molto lontano anche dalla sola idea di un progetto di squadra. Le attenuanti ci sono tutte, ma dalla sfida di Benevento, però, i giallorossi si aspettavano soprattutto altro e cioè dei segnali di crescita dai vari Pastore, Marcano e Karsdorp. Ed allora, in tal senso, meglio ripassare più avanti. A partire proprio da El Flaco.

È chiaro che gli occhi un po’ di tutti ieri fossero soprattutto su Pastore, quello che doveva essere la ciliegina sulla torta e che finora ha deliziato assai poco. Anche ieri l’argentino ha sbagliato tanto, sia in fase di palleggio sia di copertura. A conti fatti, il Benevento ha meritato la vittoria (ieri festeggiava i suoi 89 anni di storia). Di Francesco sperava in qualcosa di più, ovviamente. Dovrà aspettare il Chievo per averlo.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy