Paredes boom: la perla fila tra Totti e Riquelme

Il centrocampista della Roma segna con un destro di controbalzo che ricorda il numero 10 e il “Mudo”. E in Argentina c’è chi lo vorrebbe in nazionale

di Redazione, @forzaroma

Il gol di Leandro Paredes al Torino è la perla della giornata perché è un prodigio di tecnica, scrive Alex Frosio su “La Gazzetta dello Sport“: su un rinvio della difesa granata verso la periferia dell’area di rigore, l’argentino arriva perfettamente bilanciato, blocca la caviglia destra e di controbalzo trasferisce tutto il peso del corpo sul pallone coprendolo e imprimendo una forza tremenda. Solo così la traiettoria resta bassa, rasoterra, imprendibile: difficilissimo far volar via così la palla. L’esempio, Paredes ce l’ha sempre avuto in casa: perché uno specialista del tiro di collo veste da vent’anni la maglia della Roma e se lo chiami Capitano sei sicuro che si gira, un altro indossava la maglia del Boca Juniors e ha assistito da vicino al debutto da professionista del giovane Leandro. Juan Roman Riquelme, ovviamente, un altro che, come Francesco Totti, quando calciava pieno il pallone filava via dritto per dritto. «Riquelme è stato il giocatore che guardavo e che mi piaceva di più. Ed è stato troppo importante per la mia crescita, fondamentale. Mi riempì di consigli all’epoca e ancora oggi ci sentiamo, quando mi guarda giocare mi scrive. Prima di smettere dichiarò a tutti che sarei stato io il suo erede calcistico», ha raccontato Paredes.

Se l’ha visto stavolta, il messaggino da «papà» orgoglioso sarà arrivato di sicuro. E dopo il siluro al Toro, Paredes può cominciare a pagare le tasse di successione. Anche se nel frattempo il suo raggio d’azione lo ha portato qualche metro più indietro rispetto al «Mudo». Ora porta sulle spalle anche il «5», il tradizionale numero che in Argentina appartiene al «volante», cioè al regista davanti alla difesa. In Patria qualcuno ha cominciato a sollecitare il viaggio nella Capitale di Edgardo Bauza, c.t. della Seleccion: i tifosi dell’Albiceleste sono rimasti incantati dalla rete (e dalle prestazioni) di Paredes, ricordando al Paton che, caso mai se lo fosse dimenticato, Leandro è argentino…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy