Pallotta valuta la ricapitalizzazione, il Qatar alla finestra

Pallotta valuta la ricapitalizzazione, il Qatar alla finestra

Blitz negli Usa per avere 90 milioni. L’ambasciatore: “Acquistare il club? Se sarà un affare, faremo proposte”

di Redazione, @forzaroma

Probabilmente la prossima settimana il ceo Guido Fienga andrà negli Stati Uniti per sottoporre l’idea di una nuova ricapitalizzazione a James Pallotta e i suoi soci, scrive Massimo Cecchini su La Gazzetta dello Sport.

Si parla di circa 90 milioni da versare, se si può, entro dicembre, utili comunque a irrobustire il prossimo bilancio. Intendiamoci, nessun obbligo stringente, ma solo un modo per provare a dipendere meno dalle prossime plusvalenze, considerando lo sforzo di ristrutturazione che sta facendo tutta la dirigenza, a partire dalla riduzione del monte ingaggi di circa il 20%.

Sul piano dei sogni, invece, ci sono da registrare le parole espresse ieri dall’ambasciatore del Qatar in Italia, Abdulaziz Ahmed Almalki Aljehni, a margine della presentazione del logo del Mondiale 2022. “L’ambasciata è felice del rapporto di sponsorizzazione che si è creato tra la Roma e la nostra nazione. In più a me piace la Roma, sono un loro tifoso e quindi sono doppiamente lieto“.

E quando gli viene chiesto di un possibile interesse del fondo sovrano per l’acquisizione del club, l’ambasciatore risponde cortese: “Tutto è possibile. Al momento non sono a conoscenza se ci sia in ballo qualcosa tra la Roma ed il Qatar, ma se in futuro ce ne sarà la possibilità, la mia nazione coglierà l’occasione. Lo stato è molto attento ad investire nei progetti dove c’è dietro un potenziale, in ogni ambito, che siano sportivo, industriale, economico o militare non fa differenza, perché noi lavoriamo sotto ogni tipo di aspetto. Se l’acquisto della Roma sarà un buon affare, il Qatar farà la sua proposta“. Inutile dire che la replica è sempre la stessa: il club non è in vendita. E allora occhio alla ricapitalizzazione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy