Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

La Gazzetta dello Sport

Nuovo Mou a Roma, mano tesa a Max: “Noi risultatisti? Siamo due vincenti”

Getty Images

Allo Stadium contro la Juve il tecnico giallorosso si aspetta qualcosa di importante dai suoi

Redazione

La definizione risultatista, scrive Andrea Pugliese su La Gazzetta dello Sport, non va giù a Mourinho: “Questo è un concetto strano, i risultatisti di solito vincono, mentre non si può chiamare in questo modo chi non ha vinto mai. Io e Max qualcosa abbiamo vinto e questo dovrebbe essere visto in modo positivo“. Mou chiamerà così Allegri per tutta la conferenza, quasi a voler diminuire quel gelo che in passato ha contraddistinto il loro rapporto. In campo ci sarà Vina:“Nessun dubbio", e probabilmente anche Abraham:“Vedremo. Tammy migliora di giorno in giorno, ma l’allenamento fatto è poco". Con o senza l’inglese, Mou si aspetta una prestazione importante dai suoi. Non ha perso occasione, però, per sottolineare la grande differenza tra le due squadre: “La Juventus è una squadra fortissima, da scudetto. Gioca sempre per vincere, ha più di 20 giocatori bravi ed esperti, un allenatore bravo. Ma in questo confronto c’è una squadra che gioca per vincere la Champions e una che gioca per vincere la Conference, una squadra che gioca per vincere dieci scudetti di fila e una che ne vince zero in dieci anni". Sarà l’ottavo confronto tra la Juventus e Mourinho: 4 vittorie, 2 pareggi e 2 sconfitte.