Nainggolan, i precedenti: i litigi con la moglie, le bravate in Belgio. Sempre borderline

Non è la prima volta che il centrocampista belga della Roma supera i limiti: dalle botte alla moglie Claudia fino al giallo della patente

di Redazione, @forzaroma

A 24 ore dalla diretta Instagram della festa di Capodanno di Nainggolan tra alcool, sigarette e bestemmie, “La Gazzetta dello Sport” ha elencato tutti i precedenti borderline del centrocampista belga della Roma.

È il 13 aprile del 2014 ed a Cagliari Nainggolan litiga con la moglie Claudia, colpita con schiaffi e calci. Accompagnata al pronto soccorso, i medici del San Giovanni di Dio le assegnano 20 giorni di prognosi. Nainggolan commenta su Twitter: “Dovete farvi i cazzi vostri. Problemi in famiglia esistono, ma mani addosso no!”. La moglie lo scagiona: “Chi è che non litiga con il proprio marito? Si è trattato solo di un diverbio“.

Il 27 luglio 2015 sono stati appena sorteggiati i calendari della Serie A, e Nainggolan si mette a litigare con i tifosi della Juve via Twitter: “Meglio uno scudetto con la Roma che dieci con la Juve“. Giù il diluvio di botta e risposta. L’8 febbraio 2017 Nainggolan si ferma a parlare con dei tifosi a notte fonda, fuori da un locale dove ha passato la serata. “Io sono contro la Juve perché la odiavo prima di arrivare a Cagliari, ha sempre vinto su rigore o punizione. Sono venuto alla Roma perché volevo vincere contro la Juve che aveva sempre avuto questi aiuti”, è il succo del video.

Il 26 marzo 2017 Nainggolan viene fermato in Belgio alle 7 di mattina, di ritorno da una serata in discoteca. La sera prima si era giocata Belgio-Grecia e Radja stava tornando a Bruxelles. La polizia belga parla di un tasso alcolico di 2 milligrammi per litro (quattro volte il consentito) e di patente ritirata, lui mostra una foto con la patente: «Tutte cazzate». Poi però ammette: «Mi hanno fatto il test e non so neanche il perché. E ho pagato una multa di 1.200 euro». Per la polizia è la sanzione per evitare la sospensione della patente.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy