Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

La Gazzetta dello Sport

Mou: “Ora una finale da giocare davanti alla nostra gente”

Il tecnico: "Qualche mese fa una partita così l’avremmo persa, mi sembra ci sia una crescita di personalità"

Redazione

Mourinho e Pellegrini sono pronti: la Roma può andare a Tirana. Comincia sorridendo José, racconta della “costosa bottiglia di vino” che gli ha regalato Rodgers - "il mio favorito" - ma poi analizza così. "Fino a 4-5 mesi fa questa partita la Roma non l’avrebbe pareggiata ma persa, mi sembra ci sia una crescita della personalità. Avremmo potuto portare a casa lo 0-1, ma è un risultato accettabile. Ora c’è una finale da giocare non a Tirana, ma a Roma. Davanti alla nostra gente", come riporta Massimo Cecchini su La Gazzetta dello Sport. I complimenti all’arbitro non mancano. "Ha esperienza e ha diretto senza problemi. Anche in Italia ci sono arbitri bravi, ma qualche volta siamo sfortunati". La testa, però, è già al ritorno. "Sono sicuro che prima della partita qualsiasi romanista avrebbe firmato e sorriso se qualcuno avesse detto che si deciderà all’Olimpico. Io non sorrido perché capisco che anche con 70 mila allo stadio e tanti fuori, sarà difficile. Non mi considero favorito e devo pensare anche al campionato. Devo pensare al Bologna, finire 5° o 6° per noi è importante".

Concentrato è anche capitan Pellegrini, giunto al 13° gol stagionale. "Era un esame importante e l’abbiano superato, soprattutto nella prima ora di gioco.Penso sia normale incontrare difficoltà, non era semplice giocare qui e l’abbiamo fatto. Siamo fiduciosi, abbiamo ottenuto un buon risultato col sacrificio. In Premier sono bravi a mettere intensità, magari sono meno attenti tatticamente. È il mio punto di vista, il campionato italiano si sta alzando di livello ed è una buona notizia".