La Gazzetta dello Sport

Mou, non basta arrabbiarsi con gli arbitri

Getty Images

Nel calcio è la qualità a fare, sempre e solo, la differenza

Redazione

In chiave Europa c’è stato l’ennesimo passo falso della Roma, che ha conquistato solo tre punti nelle ultime tre sfide con Genoa, Sassuolo e Verona. Anche stavolta Mourinho si è molto arrabbiato con l’arbitro, finendo per essere espulso, ma almeno per una volta sarebbe il caso che lo Special One provasse a spiegare dal punto di vista tattico e tecnico le incolori prove giallorosse che si ripetono dall’inizio della stagione, scrive Alessandro Vocalelli su La Gazzetta dello Sport. A salvarlo, stavolta, sono stati due baby - Volpato e Bove - ed è curioso che appena due mesi fa - in uno dei suoi tanti attacchi, dispensati a pioggia - proprio Mourinho aveva detto di non poter minimamente contare sui ragazzi della Primavera, a suo dire protagonisti di un campionato poco competitivo e di conseguenza poco formativo per il grande salto. Il calcio - ed è banale dirlo - invece semplicemente premia sempre il merito, indipendentemente dall’età. Perché accanto agli appena maggiorenni giallorossi, ieri è stato anche il turno del trentanovenne Quagliarella: due gol per rilanciare la Samp. E per ribadire, appunto, che dividere il mondo - anche quello del pallone - tra giovani e meno giovani è una grande sciocchezza. Ed è appunto la qualità a fare - sempre e solo - la differenza.