Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

La Gazzetta dello Sport

Mou ironizza: “Bravo l’arbitro”

Getty Images

Il tecnico duro: "Di Bello ok tatticamente: tanti gialli fino al 2-0 non li ha dati, poi è stata un’altra partita. Di Zaniolo non parlo. Tanto non cambia, è così da inizio stagione..."

Redazione

Non lo hanno dimenticato. D’altronde, come avrebbero potuto? La storia nerazzurra è passata attraverso le sue idee e le sue parole; per questo già all’annuncio delle formazioni un boato ha accolto l’annuncio del suo nome che rimbalzava feroce tra le pareti di San Siro, causa pandemia scarnificate dal pubblico delle grandi occasioni, scrive Massimo Cecchini su La Gazzetta dello Sport. Lui, José Mourinho. L’uomo del Triplete, il re taumaturgo che guarì l’Inter da quel senso d’incompiutezza a cui sembrava condann. Così alle 20.57 appare in Curva Nord la scritta: "Bentornato a casa José", scritto rigorosamente in nero e azzurro. Poi parte il coro: "Uno di noi, Mourinho uno di noi". In quel momento, abbracciato a Simone Inzaghi, l’allenatore portoghese entra in campo e lo stadio trema. Mou sembra essere emozionato fino alla punta dei capelli diventati grigi. Si bacia la punta delle dita e fa ciao alla tribuna che lo applaude, quindi si volta e saluta la Curva Nord, mentre gli striscioni che ricordano i successi interisti cominciano a prendere vento. Al fischio d’inizio, però, la bacheca si fa da parte, lasciando al portoghese la libertà di essere l’allenatore della Roma. Così si agita, sbraita, protesta. È sempre sulla linea del fallo laterale, raccattando palle in ogni momento, anche perché Dzeko, dopo meno di due minuti, lo ha messo subito sott’acqua. L’interismo, così, si annacqua tra le tensioni di una normale partita, tanto che alle 21.49, in pieno recupero, Mourinho subisce un’ammonizione dopo il “giallo” comminato a Mancini. Nella ripresa le proteste s’intensificano, soprattutto dopo il contrasto fra Oliveira e Vidal, da cui nasce il raddoppio. Il colloquio con il guardalinee Galetto è tempestoso, ma non cambia nulla, se non il ko di Abraham che rabbuia ancora di più la Roma. Resta solo il racconto finale. "Tranne i primi cinque minuti, la Roma ha giocato molo bene. Nel primo tempo abbiamo avuto due opportunità per segnare. Nella ripresa la partita mi sembrava dalla nostra parte anche se senza creare opportunità". La svolta, naturalmente, è arrivata col raddoppio, e allora Di Bello entra nel mirino. "Il secondo gol ha cambiato la gara e l’arbitro, che tatticamente è stato bravissimo, ha fatto una partita fino al 2-0, poi un’altra". Sulla sua ammonizione fa del sarcasmo: "Per il suo curriculum vitae è una cosa bella un’ammonizione a Mourinho". Ma dove entra ancora duro è su Zaniolo. "Non ne parlo più. Tanto non cambia, è così dall’inizio della stagione e non cambia. Per questo ho detto che l’arbitro è stato tatticamente molto bravo. Tanti gialli che c’erano non sono stati dati, per noi invece è troppo facile. Dopo il 2-0 la partita è stata un’altra e si può fischiare in un altro modo. Solo un arbitro di qualità può fare questo, lui è un arbitro di qualità".