Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

La Gazzetta dello Sport

Mou e la Samp: dalle manette a gol-scudetto di Pazzini

Getty Images

Se c’è un’avversaria che ha marchiato a fuoco i due anni del tecnico in Italia con l’Inter è proprio la Sampdoria

Redazione

Chissà cosa gli passerà in mente oggi pomeriggio, quando si troverà di fronte quei colori, scrive Andrea Pugliese su La Gazzetta dello Sport. Perché se c’è un’avversaria che ha marchiato a fuoco i due anni di Mourinho in Italia con l’Inter è proprio la Sampdoria. Ad iniziare da quando fece il gesto delle manette a San Siro. L’Inter si giocava il titolo proprio con la Roma, Tagliavento cacciò nel primo tempo Samuel e Cordoba, e quando sventolò il giallo invece che il rosso a Pazzini, il tecnico verificò di essere a favore di telecamere e lanciò quel gesto che resta tra quelli leggendari del mondo del calcio: le manette. Quella partita finì 0-0, ma Mou no poteva sapere che poco dopo sarebbe stata proprio la Sampdoria a regalargli lo scudetto su un piatto d’oro. Il 26 aprile i blucerchiati vinsero per 2-1 in casa di una Roma lanciatissima e che contendeva il titolo ai nerazzurri in un accesissimo testa a testa. A segnare quei due gol fu proprio Pazzini. Quel giorno la Roma perse lo scudetto e la Samp restituì a Mourinho, di fatto, quello che gli aveva tolto un paio di mesi prima.