Morte Astori: “Accelerazione del battito”

La causa del decesso del difensore viola potrebbe essere stata la “tachiaritmia”

di Redazione, @forzaroma

Non è stato un rallentamento progressivo del battito cardiaco a causare la morte di Davide Astori, ma l’esatto contrario: un’accelerazione improvvisa che non ha dato scampo al capitano della Fiorentina. La tesi, riporta La Gazzetta dello Sport, è contenuta nella perizia depositata dai professori Carlo Moreschi e Gaetano Thiene e ribalta quella che era la prima ipotesi. Nel documento dei due esperti incaricati dal pm Barbara Loffredo che indaga sulla morte di Astori si parla infatti di “tachiaritmia”. Secondo i medici si sarebbe trattato del primo episodio violento di una patologia mai riscontrata in precedenza e non sarebbe avvenuta durante il sonno: se Astori quella notte si fosse trovato in compagnia di qualcuno in grado di dare l’allarme forse si sarebbe potuto salvare.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. giacomoroma_331 - 3 anni fa

    Grande uomo, grande professionista. La vita è crudele!
    R.i.p.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy