Mkhitaryan, la benedizione di Al Bano alle nozze: “Henrikh è un ragazzo semplice”

Mkhitaryan, la benedizione di Al Bano alle nozze: “Henrikh è un ragazzo semplice”

Il cantante: “Spero che nella sua nuova squadra possa essere felice come l’ho visto felice il giorno del matrimonio”

di Redazione, @forzaroma

Era il 14 aprile del 2013 quando, in un’intervista alla Gazzetta, Henrikh Mkhitaryan rivelava: “Spero di trovare la donna giusta, sarebbe l’ora“. Sei anni dopo la donna giusta, il neo esterno della Roma, l’ha trovata. E con lei la “Felicità”, in tutti i sensi. Lo scorso 18 giugno ha spostato Betty, figlia del noto uomo d’affati Mikayel Vardanyan, e a fare da colonna sonora alle nozze celebrate a Venezia, in una cornice da mille e una notte, è stato l’uomo che ha portato «Felicità», appunto, in tutto il mondo.

Al Bano, sa che adesso il calciatore per cui ha cantato in estate giocherà in Serie A?
Ma davvero? Non ne sapevo nulla, ma d’altronde a giugno non sapevo neppure chi fosse Henrikh Mkhitaryan” dice il cantante italiano intervistato da Chiara Zucchelli su La Gazzetta dello Sport.

Non capita però spesso che qualcuno possa permettersi Al Bano come cantante di nozze.
Io sono stato contattato dal suo staff perché i genitori dei ragazzi avevano piacere a regalare ai figli la mia presenza. Entrambi mi conoscevano per “Felicità” ed altre canzoni, in Armenia sono un personaggio noto, ma certo vedere così tanta gioia in due ragazzi giovani ha stupito anche me. Invece quando ho iniziato a cantare ho percepito subito delle sensazioni positive. Erano felici loro e i loro ospiti, si sono divertiti tutti, anzi: ci siamo divertiti tutti“.

Che impressione le ha fatto ?
Mi ha colpito per la sua umanità. Se non avessi immaginato, vista la location lussuosa e tutto quello che ne consegue, di trovarmi di fronte ad una persona benestante, non avrei mai detto che si trattava di un calciatore. Ho incontrato, seppur solo per un’ora e mezza, un ragazzo umile, simpatico, disponibile. Non si dava arie e come lui la famiglia“.

Perché nel suo cuore non c’è il calcio?
Non riesco a legarmi, mi è sempre sembrato uno sport poco umano. E negli ultimi anni ancora di più. Non dico che non sia bello, ma non fa per me“.

Vuole dare un “in bocca al lupo” a Mkhitaryan?
Certo, Spero che nella sua nuova squadra possa essere felice come l’ho visto felice il giorno delle nozze. Dove mi ha detto che va a giocare…?“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy