Lo sguardo di Montali: “Torino e Roma sono agli antipodi. Friedkin? Mi piace lo stile, si può vincere solamente così”

L’ex dg giallorosso: “Gestita bene dal club la vicenda Dzeko. Totti e De Rossi torneranno, ma al momento giusto”

di Redazione, @forzaroma

A Torino c’è l’organizzazione alla massima potenza. Io ero consigliere d’amministrazione con delega al settore giovanile e al canale tematico. Dopo Calciopoli due erano gli obiettivi: creare un nuovo stile e puntar sullo stadio di proprietà. Ce l’abbiamo fatta. Poi fui contattato dal Napoli e, capendo che c’era bisogno di un uomo di calcio (l’ultimo era stato Tardelli), consigliai Marotta” dice Gian Paolo Montali, ex dg di Roma e Juve, intervistato da Massimo Cecchini su La Gazzetta dello Sport.

Poi c’è stata la Roma.
Che invece è tutto cuore e passione. Lì ho fatto due anni intensi come direttore generale, prima degli americani. Conobbi DiBenedetto e Unicredit, che era coproprietaria, voleva confermarmi, ma io capii che la dirigenza aveva altri progetti. Comunque, anche se le mie origini sono a Parma, posso dire ormai di essere mezzo romano e ho ricordi bellissimi. Con Ranieri sfiorammo lo scudetto. Si ricorda la mia tabella di marcia – centrata, a dispetto dello scetticismo dei calciatori – che avevo stilato su un foglio e che lei mi sottrasse per pubblicarla sulla Gazzetta?“.

La gestione del caso Dzeko è stata “da Juve”.
Certo, così si deve fare. Chi deve gestire le cose è la società, che ha dato forza all’allenatore. Dei Friedkin mi piacciono sia lo stile che il basso profilo. A Roma si può vincere solo così, non facendosi coinvolgere emotivamente. Si entra in punta di piedi, si studia e si impara. Poi, quando potranno vedere la passione dell’Olimpico pieno, s’innamoreranno davvero“.

Le piacciono Pirlo e Fonseca?
Sì. I due club hanno preso decisioni corrette, perché le scelte non si fanno con la pancia, anche se la mia filosofia è che vincere è l’unica cosa che conta“.

Se la pancia non serve, Pallotta ha fatto bene a mandare via Totti e De Rossi?
No, perché – come ha fatto la Juve con Nedved – era giusto sfruttare la loro esperienza. Sono sicuro che torneranno tutti e due, ma al momento giusto“.

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. noel - 4 settimane fa

    Paolo Montali, un ex-dirigente romanista, che mi e` sempre piacuto.

    Parla sempre con discrezione, in modo analitico, e con ottime maniere. Un personaggio che farebbe benissimo in ogni societa`.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy